Redazione Paese24.it

Rossano, spara al figlio dell’ex datore di lavoro. In manette per tentato omicidio

Rossano, spara al figlio dell’ex datore di lavoro. In manette per tentato omicidio
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

poliziaVoleva vendicare l’onta del licenziamento e ha cercato di uccidere il figlio del suo ex datore di lavoro. Per questo motivo è stato arrestato, dagli agenti del Commissariato della Polizia di Rossano (diretto dal vice questore Raffaele De Marco) su disposizione della Procura della Repubblica di Castrovillari, L. G., 41enne di Rossano, con precedenti penali. L’uomo è stato arrestato con l’accusa di tentato omicidio e detenzione e porto in luogo pubblico di arma da sparo, perché sarebbe l’autore del tentato assassinio del quarantanovenne G. C. e di E. L. M. trentatreenne rumena, feriti a colpi d’arma da fuoco nel settembre 2013 mentre si trovavano in auto.

«A spingere l’uomo a compiere il gesto – hanno spiegato gli uomini del commissariato di Polizia di Rossano durante una conferenza stampa – furono vecchi rancori per un licenziamento. L. G. sarebbe stato licenziato dal padre della vittima qualche anno fa. Lo stesso, dopo il licenziamento, avrebbe minacciato più volte la famiglia di G. C. e sarebbe stato autore di alcuni danneggiamenti, mai denunciati, fino ad arrivare al ferimento del settembre 2013».

«Nell’inchiesta  fondamentale è stato il contributo di un testimone che ha visto l’uomo, corrispondente dalla descrizione fisica all’arrestato, imbracciare il fucile e sparare. Nel corso di una perquisizione domiciliare effettuata a casa di L. G. erano stati trovati un fucile da caccia, diverse munizioni, due coltelli, un lancia granate e due manufatti pirici artigianali considerati molto pericolosi».

Redazione online

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *