Redazione Paese24.it

Rossano, a Fortunato Amarelli il premio Mariano Turano 2014

Rossano, a Fortunato Amarelli il premio Mariano Turano 2014
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF
Fortunato Amarelli riceve il premio Mariano Turano 2014

Fortunato Amarelli riceve il premio Mariano Turano 2014

Al giovane industriale rossanese Fortunato Amarelli è stato assegnato il Premio “Mariano Turano” per il 2014. La cerimonia si è svolta nell’ambito del convegno dal tema: “Sviluppo in Calabria e reti d’impresa” che si è tenuto presso la sala del Consiglio comunale di Castrolibero alla presenza del Sindaco Giovanni Greco, della Presidente dell’Associazione Maria Turano, del Presidente di Confindustria Cosenza Natale Mazzuca e del Direttore Rosario Branda, del Direttore del Dipartimento di Scienze Giuridiche dell’Università della Calabria Franco Rubino e del Docente dello stesso Dipartimento Maurizio Rija, dell’imprenditore italo-canadese Umberto Turano.

Nel corso del convegno, inoltre, sono state consegnate tre borse di studio a brillanti neolaureate che avranno l’opportunità di fare uno stage di 15 giorni in Canada nelle prossime settimane. “A Fortunato Amarelli per aver concorso da protagonista allo sviluppo economico del territorio e per aver promosso la realizzazione di un modello di rete del sistema agroalimentare calabrese”. Questa, dunque, la motivazione del riconoscimento consegnato al giovane imprenditore calabrese (Vice Presidente di Confindustria Cosenza e Presidente del Consorzio Agroalimentare per l’internazionalizzazione delle imprese calabresi “Kalos”). Fortunato Amarelli, subito dopo la consegna del prestigioso premio,  ha voluto ringraziare la giuria per l’assegnazione del premio e, allo stesso tempo, ha voluto rimarcare la necessità di operare in sinergia con altri imprenditori per poter raggiungere mercati geograficamente lontani ma colmi di opportunità. Una formula, quella del giovane industriale rossanese, che deve spronare gli imprenditori cosentini e calabresi, affinché si possa promuovere il “Made in Calabria” fuori dai confini regionali e nazionali.

Antonio Le Fosse

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *