Redazione Paese24.it

Rossano e Corigliano spingono per la metro Sibari-Crotone

Rossano e Corigliano spingono per la metro Sibari-Crotone
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Consiglio  comunale congiunto tra i comuni di Rossano e Corigliano per la realizzazione della metropolitana leggera da Sibari a CrotoneI due comuni più importanti della Sibaritide, Rossano e Corigliano, si sono nuovamente riuniti, in seduta straordinaria (nella foto), per discutere, questa volta, della realizzazione della metropolitana leggera che dovrà collegare Sibari a Crotone. Al termine del consiglio comunale congiunto, dopo i numerosi interventi dei consiglieri di maggioranza ed opposizione, è stato redatto un documento, votato all’unanimità, riguardante la richiesta alla Regione Calabria di inserire nella programmazione dei fondi della Comunità Europea, per il periodo 2014-2020, il piano di realizzazione della metropolitana di superficie moderna, sicura, funzionale del tipo di quelle già esistenti in diverse città italiane ed europee che dovrà collegare Sibari a Crotone utilizzando la rete ferroviaria già esistente sulla fascia jonica calabrese che, negli ultimi anni, è stata penalizzata da scelte politiche ed aziendali non condivise dai cittadini dell’intero territorio. Si è dovuto assistere, impotenti, alla chiusura delle stazioni ferroviarie e alla soppressione di treni storici che collegavano la Calabria al resto dell’Italia quali: Crotone-Roma, Crotone-Milano, Crotone-Torino e tanti altri. La metropolitana leggera, dunque, servirà a collegare la Sibaritide al più vicino aeroporto di Crotone in modo tale che gli utenti possano raggiungere, in poche ore di volo, diverse località italiane del centro-nord ed anche alcune nazioni europee. Una scelta, quella dei due importanti comuni cosentini, condivisa pienamente dai numerosi cittadini i quali si augurano che questo territorio, già penalizzato, possa ottenere una certa attenzione dall’intera classe politica, nazionale e regionale, e non venga, ad ogni modo, isolato dal resto d’Italia.

Antonio Le Fosse

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *