Redazione Paese24.it

Nuove frontiere del turismo. Tra l’Italia e la Russia c’è la Sibaritide

Nuove frontiere del turismo. Tra l’Italia e la Russia c’è la Sibaritide
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF
L'oratorio di San Marco, il monumento più antico della città di Rossano ed una delle architetture bizantine meglio conservate d'Italia

L’oratorio di San Marco, il monumento più antico della città di Rossano ed una delle architetture bizantine meglio conservate d’Italia

Si è svolto lo scorso sabato 26 luglio, a Rossano, il convegno promosso dalla Associazione Citta’ Eredi di Bisanzio (ACEB), il GAL Alto Jonio cosentino e il GAL Sila Greca, con la partecipazione di nove comuni calabresi nei quali sono rinvenibili tracce dell’eredità bizantina, vale a dire: Amendolara, Rossano, Santa Severina, Roseto Capo Spulico, Montegiordano, Oriolo Calabro, Castroregio, Cropalati e Caloveto. L’ACEB, è utile sottolinearlo, è una associazione impegnata sul territorio italiano e, per il tramite della Fondazione Metropoli, sul territorio russo, nella creazione di itinerari turistici e culturali che evidenziano il legame tra la cultura italiana e quella russa, dovuto alla base culturale comune bizantina.

Non a caso, nel corso del convegno, è intervenuto il Console russo presso la sede di Palermo, dottor Korotkov, che ha portato il saluto delle Istituzioni  e della comunità di quel Paese, nonché il rappresentante della città di Velikij Novgorod, dottor Orlov, che ha presentato un itinerario delle città russe legate al nome del grande pittore Bizantino Teofane il Greco: Mosca, Velikij Novgorod e San Pietroburgo. La novità portata dal convegno non è solo riscontrabile nella matrice culturale dell’iniziativa, resa anche evidente dalla partecipazione di esperti della materia, ma soprattutto dalla presentazione di un piano per la valorizzazione turistica delle bellezze storico-archeologiche di cui si è parlato.

In tal senso, spiccava la presenza di numerosi operatori turistici delle zone interessate dagli itinerari, i quali hanno convenuto sulla necessità di fare rete per meglio vendere i prodotti locali, non soltanto quelli archeologici. La creazione di un apposito network tra ACEB, operatori turistici ed enti locali, sarà oggetto entro il mese di settembre di un apposito workshop, anche perché il prossimo 2 ottobre, gli itinerari bizantini di Calabria, insieme agli itinerari bizantini siciliani, saranno presentati in una mostra che si terrà a San Pietroburgo, e alla quale parteciperanno gli operatori turistici del luogo, presumibilmente interessati a nuove mete del turismo russo in Italia.

Gli interventi del Console russo, dei Presidenti dei due Gal, Durso, dell’assessore al comune di Rossano e del sindaco di Amendolara, dottor Antonello Ciminelli, hanno mostrato il forte interesse verso l’iniziativa, che è stata presentata dal Presidente della associazione, dottor Igor Danilov e dal Vice-Presidente della stessa, dottor Antonio Pagano, di origini amendolaresi, presidente della Associazione per lo sviluppo dell’Alto Jonio.

Pasqualino Bruno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *