Redazione Paese24.it

Trebisacce, giovane bagnino salva ragazzina che rischiava di annegare

Trebisacce, giovane bagnino salva ragazzina che rischiava di annegare
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

trebisacceRETTIFICA – Salvata in mare una ragazzina di 12 anni che, colta da malore, stava per annegare. Autore del salvataggio il giovane bagnino Stefano Indraccolo che presta servizio presso la postazione di assistenza-bagnanti istituita sulla spiaggia libera da qualche giorno dall’amministrazione comunale e gestita dai Volontari della Protezione Civile che dispongono del patentino di bagnini. Dal racconto dei vicini di ombrellone pare che Melania, una ragazzina di 12 anni in vacanza con i genitori a Trebisacce, sia stata colta da malore appena dopo essere entrata in acqua e fosse in serio pericolo di vita. Il primo ad accorgersi del pericolo che stava correndo la ragazzina è stato il giovane Stefano Indraccolo che si è tuffato prontamente in acqua ed ha portato in salvo sulla battigia la giovane nuotatrice, evitandole così di annegare perché nel frattempo aveva perso i sensi.

Stampe e gadget per i tuoi eventi ESTATE 2014 (clicca per ingrandire)

Stampe e gadget per i tuoi eventi ESTATE 2014 (clicca per ingrandire)

Appena sulla riva il giovane bagnino l’ha subito soccorso adottando le metodiche previste in situazioni del genere ed ha subito allertato il 118 che è giunto di lì a poco sulla spiaggia insieme ai genitori della ragazzina. «Sento il dovere – ha dichiarato il sindaco Francesco Mundo – di ringraziare a nome mio personale, dell’amministrazione comunale e dell’intera città di Trebisacce il giovane Stefano Indraccolo per aver salvato la vita a Melania. Stefano Indraccolo – ha concluso il primo cittadino – è uno dei giovani utilizzati dal comune nei punti di salvataggio istituiti, in ottemperanza alle prescrizioni della FEE che assegna ogni anno la Bandiera Blu, sulla spiaggia libera e precisamente in località Riviera dei Saraceni».

Pino La Rocca

 

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *