Redazione Paese24.it

Francavilla, presentato il Festival Internazionale della Sibaritide

Francavilla, presentato il Festival Internazionale della Sibaritide
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Scavi Francav. Mar.Ancora sotto la lente d’ingrandimento il Parco Archeologico “Timpone della Motta-Macchiabate” di Francavilla Marittima. Dopo la precedente iniziativa coincisa con la conclusione della VI campagna di scavi da parte degli studiosi dell’Università di Basilea guidati dal professor Guggisberg, è la volta di un ulteriore evento che si terrà presso il suddetto sito proto-storico nei giorni del 22-23 e 24 agosto 2014. Si tratta della I^ Edizione del “Festival Internazionale della Sibaritide – Città di Lagaria” organizzato dall’Associazione Smile, ente socio-culturale no-profit attivo da alcuni anni sul territorio, in collaborazione con l’amministrazione comunale di Francavilla Marittima e il Museo Archeologico Nazionale della Sibaritide. Il Festival gode inoltre di importanti patrocini tra cui l’Ambasciata di Grecia in Italia, il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, la Soprintendenza dei Beni Archeologici della Calabria, il Parco Nazionale del Pollino ed il Consorzio di Bonifica dei Bacini dello Jonio Cosentino. L’evento è stato presentato ufficialmente presso il Museo Archeologico Nazionale di Sibari.

A presentare il programma della tre giorni sono stati: Leonardo Filardi ( Direttore Artistico), Claudia Oriolo ( Direttore Esecutivo), Alessandro D’Alessio ( Funzionario Archeologico MIBACT- Soprintendenza Beni Archeologici Calabria) e Giovanni Viceconte (curatore del progetto Tèmenos). «Il Festivalsi legge in una nota di presentazione – nasce dall’idea di rievocare l’antico splendore dei territori di Sybaris, importante polis (città-stato) della Magna Grecia, decantata dagli storici per la sua potenza e la sua ricchezza. Attraverso un affascinante “viaggio nella storia”, si ripercorreranno le tappe più significative dell’incontro tra la popolazione indigena, gli Enotri, già presenti nei territori dell’Alto Ionio a partire dal IX-VIII sec. a.C. e gli Antichi Greci, i quali approdarono sulle coste dell’Italia Meridionale e fondarono Sibari nel 720 a.C».

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *