Redazione Paese24.it

Rossano, aperta la nuova strada Frasso-Scalo

Rossano, aperta la nuova strada Frasso-Scalo
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF
L'inaugurazione dell'asse Frasso-Scalo

L’inaugurazione dell’asse Frasso-Scalo

È stata inaugurata nella giornata di martedì 12 agosto, a Rossano, il nuovo complesso viario a servizio di contrada Frasso-Amarelli. «Una nuova strada – fanno sapere dall’amministrazione comunale rossanese – che permetterà di collegare la popolosa frazione allo scalo cittadino senza più la necessità di percorrere la Statale 106. Ma non solo. Marciapiedi, impianto di illuminazione, una nuova pista ciclabile e un ponte pedo-ciclabile, completano di fatto quello che è un servizio di collegamento sicuro ed efficiente, sia per i residenti che per i turisti».

Alla cerimonia di inaugurazione, presieduta dal sindaco Giuseppe Antoniotti e dall’Assessore ai Lavori Pubblici, Guglielmo Caputo e introdotta da Don Umberto Sapia che ha benedetto il nuovo impianto stradale, erano presenti, tra gli altri, anche il Presidente della Prima commissione regionale Giuseppe Caputo, il dirigente del Settore Lavori Pubblici Vincenzo Di Salvo, i progettisti dell’opera e numerosi tra cittadini, consiglieri comunali e rappresentanti della Giunta.

«Con l’apertura del nuovo asse stradale Frasso-Sant’Angelo – ha commentato Antoniotti –, si concretizza uno dei progetti storici previsti dal Piano Regolatore approvato dall’allora Giunta Caputo che va a sommarsi alle decine di interventi, concretizzatisi negli ultimi due decenni, che hanno rivoluzionato l’intero sistema della viabilità cittadina. La direttrice Frasso-Sant’Angelo, così come successo con la realizzazione della circonvallazione Torre Pisani-Via Galeno-Petra e del sottopasso di Viale Sant’Angelo, rivoluziona il sistema di collegamento, che esclude il transito dalla pericolosissima statale 106 – ha chiosato il sindaco di Rossano – tra lo scalo e Frasso-Amarelli una delle più grandi e popolose contrade che può essere considerata, di fatto, un nuovo quartiere cittadino».

Pasqualino Bruno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *