Redazione Paese24.it

Roseto, aziende agricole senza acqua. Mentre una condotta idrica costruita dieci anni fa ancora non è in funzione

Roseto, aziende agricole senza acqua. Mentre una condotta idrica costruita dieci anni fa ancora non è in funzione
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Guantanamo Bay Facility Continues To Serve As Detention Center For War Detainees«L’acqua è un diritto per tutti ed è inammissibile che nel 2014 nell’Alto Jonio ci siano nuclei familiari che non abbiano ancora maturato questo diritto sacrosanto. Mi impegnerò personalmente, all’interno del mio ruolo istituzionale e delle mie possibilità, per cercare di eliminare questa autentica vergogna». Lo ha solennemente promesso Marsio Blaiotta presidente del Consorzio di Bonifica Integrale dei Bacini dello Jonio con sede a Trebisacce che, su invito del sindaco Rosanna Mazzia e dei diretti interessati, si è recato di persona a visitare alcune famiglie che vivono in una zona un pò decentrata dell’entroterra del comune di Roseto e qui continuano a condurre le proprie aziende agricole nonostante siano privi di un bene primario come l’acqua. Sono i novelli Malavoglia “della terra” che, come quelli che andavano per mare descritti nell’omonimo romanzo da Giovanni Verga, a dispetto delle gravi disattenzioni delle istituzioni, restano tenacemente aggrappati alla terra che, come il mare per i Malavoglia, permette loro di sopravvivere insieme alle loro famiglie.

Non si tratta ovviamente solo dell’acqua potabile, di cui continuano ad approvvigionarsi andandola a cercare dove si trova, ma dell’acqua necessaria per gli usi domestici, per ristorare le piante nei frequenti momenti di siccità e soprattutto per abbeverare i numerosi capi di bestiame che continuano ad allevare e che rappresentano la loro principale fonte di sostentamento. La cosa paradossale, venuta a galla nel corso del sopralluogo effettuato dal presidente Blaiotta nella zona incriminata, è che a pochi passi dalla quelle aziende agricole passa una condotta idrica rurale che, realizzata con il fondi comunitari PIAR 2000/2006, doveva servire per l’irrigazione e per gli usi domestici e che invece, a distanza di oltre dieci anni dalla sua posa, rimane tuttora asciutta perché non è stato mai stato completato l’allacciamento alla rete di adduzione. In realtà tutta la zona pianeggiante e collinare dell’Alto Jonio è servita dalla condotta irrigua proveniente dall’invaso del Sinni, in Basilicata che viene gestita dal Consorzio di Bonifica come ente consortile, ma i terreni di queste famiglie di agricoltori si trovano ad una quota altimetrica più elevata rispetto alla condotta del Sinni per cui non ne possono beneficiare. L’impegno assunto dal presidente dell’ente consortile sarà quello di realizzare in loco una sorta di “autoclave”, cioè  un sistema di sollevamento che possa portare l’acqua della condotta del Sinni ad una quota tale da poter soddisfare le esigenze di questi laboriosi e tenaci agricoltori che hanno il solo torto di non aver fatto finora le barricate ma di aver continuato a sfidare le difficoltà andando a cercare l’acqua dovunque e sempre con i propri mezzi. Peccato che chi ha ruolo di responsabilità abbia atteso tanto tempo prima di intervenire.           

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *