Redazione Paese24.it

Rifiuti, l’allarme di Stasi: «A Bucita 60mila metri cubi di spazzatura abusiva»

Rifiuti, l’allarme di Stasi: «A Bucita 60mila metri cubi di spazzatura abusiva»
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

discarica«Almeno 60mila metri cubi di rifiuti abusivi nella discarica di Bucita, può esserci di tutto». Flavio Stasi, referente regionale di “Legge Rifiuti Zero” ed esponente del movimento “Terra e Popolo” torna a parlare dell’argomento “monnezza”, tema alquanto delicato in Calabria e anche nel territorio della Sibaritide. Stasi, senza mezzi termini, attraverso un comunicato stampa ha affermato perentoriamente che nella discarica pubblica di Bucita, a Rossano, «sono stati abbancati senza alcuna autorizzazione, senza alcun controllo e senza alcun riscontro documentale, almeno 60mila metri cubi di rifiuti, la cui composizione è totalmente ignota e gravemente sospetta».

Lo stesso Stasi ha spiegato, conti alla mano, che «un riscontro topografico ha rilevato nella discarica di Bucita circa 318mila metri cubi di rifiuti nel dicembre 2013, mentre nell’ottobre 2012 con le stesse strumentazioni ne erano stati rilevati circa 330mila metri cubi. Significa che i rifiuti in quella discarica subiscono una perdita di volume di circa 12mila metri cubi l’anno. Essendo stata posta sotto sequestro dalla Procura della Repubblica il 15 dicembre 2010, possiamo affermare che appena prima del sequestro in discarica erano stati già abbancati almeno 354mila metri cubi di spazzatura. Peccato che in quella discarica è stato autorizzato l’abbanco di “soli” 295mila metri cubi di rifiuti. Da dove sono usciti – si chiede Stasi – gli altri 60 mila metri cubi di monnezza? Chi li scaricati, da dove provenivano, di cosa si trattava?».

Il rappresentante di “Legge Rifiuti Zero” ha specificato che i rifiuti in esubero presenti a Bucita rappresentano «un semplice meccanismo con cui dei rifiuti pericolosi, che quindi richiedono trattamenti delicatissimi e costosi per preservare la salute pubblica, tramite carte false venivano “convertiti” in rifiuti non pericolosi, che quindi potevano essere comodamente abbandonati in discariche come quelle di Rossano. Tutto questo crea ancora più sospetti sulla natura di quei 60mila metri cubi ignoti, abusivi, illegali».

Stasi, in chiusura, ha rimarcato che «oltre alla cittadinanza, informerò immediatamente di quanto sta accadendo, mediante apposita relazione, la Prefettura di Cosenza e le Procure della Repubblica di Castrovillari e Reggio Calabria, sperando che prendano seriamente in esame la gravità della situazione e le misure da adottare al riguardo».

 Pasqualino Bruno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *