Redazione Paese24.it

Trebisacce, Il mistero e il fascino della Land Art. Misterioso Artista regala le sue opere al mare

Trebisacce, Il mistero e il fascino della Land Art. Misterioso Artista regala le sue opere al mare
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF
Le opere dell'artista "misterioso"

Le opere dell’artista “misterioso”

Non ha un nome e non ha neanche un viso, ma il misterioso cultore di “Land Art” trebisaccese continua a regalare piccoli capolavori che di giorno in giorno nascono come per incanto sullo sfondo di una natura incontaminata e finiscono, inesorabilmente e puntualmente, per essere abbattuti e rasi al suolo da mano quasi sacrilega. Parliamo di un artista, schivo e misterioso, che vive a Trebisacce e che ogni giorno, allo spuntare dell’alba, si reca sulla battigia e, utilizzando le pietre della spiaggia, si diverte a creare forme e figure strane, a volte bizzarre e stravaganti, che però ben si conciliano con la natura, i colori, le atmosfere e le suggestioni di un’alba sul mare. Si tratta di sovrapposizioni di pietre, grandi e piccole, che restano in equilibrio come per incanto, tanto che molti pensano a strani poteri divinatori o all’utilizzo di collanti. Niente, provare per credere: si tratta solo di un sottile equilibrio determinato dalla forma e dalla forza di gravità delle pietre, scelte e utilizzate con cura maniacale.

La Land Art è in realtà una forma d’arte contemporanea sorta negli Stati uniti d’america tra il 1967 e il 1968, caratterizzata dall’intervento diretto dell’artista sul territorio naturale, specie negli spazi incontaminati come deserti, laghi salati, praterie, spiagge… nei quali la natura fa da sfondo al quadro della nostra esistenza e lega l’individuo all’ambiente stesso in cui è immerso e nel quale l’artista vuole lasciare un segno nel tentativo di superare lo spazio in cui egli vive. Non cerca la ribalta, questo misterioso artista locale: è contento di regalare piccoli capolavori che però durano soltanto lo spazio di un mattino.

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *