Redazione Paese24.it

Il campionato di serie A sulla griglia di partenza

Il campionato di serie A sulla griglia di partenza
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Manca meno di una settimana al fischio d’inizio della nuova stagione di serie A. La griglia di partenza è sempre la stessa, almeno sulla carta, ma tutti sono pronti a scommettere su quella che potrebbe essere la sorpresa della nuova stagione che sta per iniziare.

La Juventus, dopo i tre scudetti consecutivi, parte obbligatoriamente in pole position, anche nella lista delle migliori quote scommesse betfair. Il cambio nella guida tecnica sembra non aver ridimensionato le potenzialità della squadra, anche perché, ad oggi, sono stati aggiunti rinforzi ad una rosa che non è stata privata dei suoi Top Players.

Confermarsi in campionato e arrivare più avanti possibile in Champions, questi sono gli obiettivi dichiarati da Marotta e Allegri; resta da vedere se la squadra sarà all’altezza delle motivazioni.

Completa la prima fila senz’altro la Roma, che rispetto all’anno scorso si è rinforzata notevolmente e sulla quale in molti sono pronti a scommettere per la vittoria del titolo finale. Tocca a Garcia confermare quanto di buono fatto lo scorso anno, con l’aggiunta di una competizione come la Champions che porterà via energie fisiche e mentali.

Napoli e Fiorentina partono in seconda fila. I partenopei hanno dato un assetto più compatto alla rosa, in attesa dell’innesto a centrocampo tanto richiesto da Rafa Benitez. Probabilmente gli azzurri saranno protagonisti di una partenza sprint grazie alla preparazione per i preliminari di Champions.

La Fiorentina è in stand-by per la situazione Cuadrado, ma certamente i veri nuovi acquisti della Viola saranno Rossi e Gomez a pieno regime che potrebbero rappresentare il  punto di forza della squadra di Montella.

L’Inter di Mazzarri si è rinforzata parecchio in questa sessione estiva di calciomercato, M’Vila, Medel, Osvaldo e Vidic suonano come una voglia di Champions da parte della squadra di Thoir. La definitiva esplosione di Icardi e la conferma dell’esperto Palacio potranno dare ai nerazzurri quello slancio verso le posizioni più importanti della classifica che manca ormai da tanto.

Ovviamente c’è anche il Milan in questo speciale gran premio della serie A: i rossoneri sembrano partire dalla terza fila, accanto all’Inter, sebbene i tifosi sognino ad occhi aperti. Sognano cioè di rivivere quello che tre anni fa hanno vissuto i rivali bianconeri: dalla disfatta allo scudetto, senza vie di mezzo. Un ex bandiera come allenatore e una squadra senza coppe con le motivazioni a mille. Le similitudini ci sono, certo, ma anche le differenza: Antonio Conte infatti aveva anche vinto due campionati di serie B, mentre Inzaghi ha nel suo CV solo un anno e mezzo negli Allievi e mezzo anno nella Primavera del Milan. Chissà se sarà sufficiente. Per ora gli acquisti di spessore ci sono stati, si attendono Cerci e la punta che andrà a sostituire Balotelli per un perfetto 4-3-3. Da rivedere il centrocampo in attesa del rientro di Montolivo.

Zitta zitta, forse la vera sorpresa potrebbe essere proprio la Lazio. Nuovo allenatore, Pioli, giovane ma con esperienza e affamato quanto basta. Nuovi arrivi anche di un certo calibro: Djordjevic, Parolo, De Vrij e Dusan Basta fanno pensare che questa squadra si sia rinforzata bene, pronta a fare da outsider e a dar fastidio alle grandi.

Facendo un salto verso le ultime posizioni, la lotta per non retrocedere sarà molto aperta: le neopromosse fanno sul serio, anche se c’è chi dà già Cesena ed Empoli come condannate a tornare in serie B insieme alla risucchiata di turno. Dopo Palermo e Catania, ci sarà un’altra retrocessa inaspettata? L’Atalanta ha mantenuto l’assetto dello scorso anno senza cessioni illustri, vedi Bonaventura, ma con qualche ritocco e qualche giovane sorpresa come Zappacosta che qualcuno già vede nel giro della nuova nazionale di Conte. Il Sassuolo sembra sognare in grande, mentre il Chievo, anche dopo l’eliminazione in Coppa Italia da parte del Pescara, sembra avere una marcia in meno, ma gli scaligeri, come sappiamo non mollano mai.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *