Redazione Paese24.it

Rossano, dal fiume sbuca fuori un fusto metallico. I Verdi: «Attacco alla nostra salute»

Rossano, dal fiume sbuca fuori un fusto metallico. I Verdi: «Attacco alla nostra salute»
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF
Il fusto metallico ritrovato a Rossano, nei pressi della foce del fiume Trionto

Il fusto metallico ritrovato a Rossano, nei pressi della foce del fiume Trionto

Un pericoloso fusto metallico è stato ritrovato, nella giornata di ieri (7 settembre ndr), a Rossano, precisamente nei pressi della foce del fiume Trionto, in località Faro. A darne notizia è la federazione rossanese dei Verdi. La stessa segretaria regionale del partito, Elisa Romano, ha segnalato la presenza del fusto ai vigili del fuoco, ai carabinieri e alla guardia costiera.

Il fusto, chiuso e dal contenuto ignoto, è stato delimitato con sigilli insieme all’intera area adiacente. Oggi, invece, un’unità dei vigili del fuoco, attrezzata in modalità anticontaminazione, ha proceduto alla rimozione del contenitore. Inoltre, poco più a valle del punto del ritrovamento, sempre nella giornata di oggi, è stata ritrovata la carcassa di un ovino galleggiante nelle acque del fiume.

«Ancora una volta – fanno sapere i responsabili rossanesi dei Verdi – la salute Fusto Rossanodell’ambiente e dei cittadini è messa a repentaglio da atti ignobili e illegali, come l’abbandono di rifiuti sospetti al di fuori delle aree preposte e senza alcun controllo. Ci auguriamo che la carcassa dell’ovino ritrovata nel fiume non sia un effetto dell’abbeveraggio dell’animale nelle acque contaminate dal contenuto del fusto. E’ urgente attivare, nell’immediato, una serie di ricerche atte a scoprire l’eventuale presenza di altri bidoni simili sepolti o nascosti nella zona. Come Verdi di Rossano – hanno concluso gli attivisti – inoltreremo alle autorità competenti un esposto, per far si che le responsabilità del gesto siano individuate in breve tempo e gli esecutori perseguiti a norma di legge. Nel caso in cui, come ci auguriamo, dovessero essere individuati i responsabili siamo pronti a costituirci parte civile in sede processuale».

 Pasqualino Bruno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *