Redazione Paese24.it

Rifiuti Bucita, il sindaco di Rossano: «Aspettiamo dati ufficiali». Ma Stasi passa al contrattacco

Rifiuti Bucita, il sindaco di Rossano: «Aspettiamo dati ufficiali». Ma Stasi passa al contrattacco
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF
Il Municipio di Rossano

Il Municipio di Rossano

«Da sempre, ho dimostrato di assumermi ogni responsabilità e di impegnarmi in prima persona, andando anche oltre le mie competenze, soprattutto in tema di ambiente e rifiuti e non sottraendomi mai al confronto con i miei concittadini, ai quali intendo continuare a dare risposte su fatti concreti, e senza creare inutili allarmismi». Non si è fatta attendere la risposta del sindaco di Rossano, Giuseppe Antoniotti, alla richiesta fatta da Flavio Stasi (qui l’articolo), esponente di Legge Rifiuti Zero e leader del movimento Terra e Popolo, di prendere una posizione netta in merito alla presenza, nella discarica di Bucita, di 60 mila metri cubi di rifiuti in esubero. «Sarebbe sciocco e irresponsabile da parte mia – ha spiegato Antoniotti – entrare nel merito di una delicata questione che è al vaglio degli organi giudiziari preposti. Non sono abituato e non è mia abitudine parlare a vanvera solo per sollevare inutili polveroni che non portano nulla di buono. Sulla discarica di Bucita sono in corso indagini, avviate a seguito di una serie di esposti. Quando avremo dati ufficiali e contezza dei fatti, non esiteremo a comunicarli ai nostri concittadini ed eventualmente ad intraprendere ogni utile provvedimento che rientri nelle nostre competenze». «La delicata questione dei rifiuti – ha aggiunto l’assessore all’ambiente Rodolfo Alfieri – ci ha sempre visti impegnati in prima linea. Non ci siamo mai sottratti alle nostre responsabilità e spesso abbiamo assunto posizioni dure e forti, quando abbiamo ritenuto che la salute pubblica e la tutela  del patrimonio ambientale e stradale fossero messi a rischi. Continueremo a rimanere vigili e attenti verso le tematiche ambientali e verso ogni tipo di emergenza che coinvolge il territorio e che, fin dall’inizio del mandato elettorale, questo esecutivo ha gestito in maniera energica e con grande coraggio». Il referente regionale di “Legge Rifiuti Zero”, intanto, passa al contrattacco. Flavio Stasi, in una nota, smentisce «categoricamente quanto affermato dal Sindaco: su Bucita ci sono novità e allarmanti. La presenza di almeno 60 mila metri cubi di rifiuti non autorizzati è stata certificata involontariamente e goffamente da documenti ufficiali della Regione Calabria, circostanza su cui non è stato depositato alcun esposto e che sto provando ripetutamente a segnalare a quella che dovrebbe essere l’istituzione che vigila sulle condizioni sanitarie della comunità». «Se è vero – ha proseguito Stasi – che proprio per le deficienze della classe dirigente, molto spesso le Procure si sostituiscono al potere politico, è anche vero che i cittadini calabresi non hanno eletto magistrati, bensì sindaci, consiglieri comunali e regionali, a loro è deputata la salvaguardia ambientale, sanitaria e l’assunzione di provvedimenti tesi alla messa in sicurezza dei territori. Questa di Bucita – ha concluso l’attivista – è una storia che va avanti da troppo tempo, è giunto il momento di assumersi le proprie responsabilità ed andare a fondo dando risposte ai cittadini, chi non se la sente dovrebbe farsi da parte».

Pasqualino Bruno

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *