Redazione Paese24.it

Incidente stradale a Sibari. Coinvolte una dottoressa e tre maestre

Incidente stradale a Sibari. Coinvolte una dottoressa e tre maestre
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

118-ambulanzaUn grave incidente stradale, per fortuna senza gravi conseguenze per i passeggeri ma solo per le auto, si è verificato ieri mattina (mercoledì) a Sibari proprio di fronte alla Delegazione comunale che sorge sulla Provinciale che conduce a Cassano Jonio. Nell’incidente, verificatosi poco dopo le 8.00, sono rimaste coinvolte quattro donne che si recavano al loro posto di lavoro tra cui la dottoressa C. G., 45 anni che, oltre a svolgere le funzioni di consigliere comunale a Cassano, svolge la propria professione medica presso la postazione del 118 di Cassano Jonio e inoltre C.D.M., A.O. e A.M., tre insegnanti di Scuola Materna, tutte di Trebisacce che, viaggiando in compagnia, erano quasi arrivate alla scuola dove prestano servizio che sorge a pochi metri dal luogo dell’incidente.

Ancora tutta da ricostruire la dinamica dell’incidente che ha portato alla violenta e frontale collisione le due auto, una Citronen C4 condotta dalla dottoressaed una Fiat Idea su cui viaggiavano le tre insegnanti. Nel violento impatto tra le auto, la Citroen è rimasta di traverso sulla carreggiata, mentre la Fiat Idea è stata scaraventata contro l’inferriata che delimita la strada la quale, resistendo all’urto, ha impedito che l’auto con le tre occupanti finisse nel fossato adiacente. Sul posto è subito intervenuto il 118 di Cassano Jonio che ha trasportato tutte e quattro le donne all’ospedale di Rossano e una pattuglia della Guardia di Finanza di Sibari che si trovava nei pressi la quale ha provveduto a interrompere il traffico ed a regolare la circolazione e dopo un pò i Vigili Urbani di Cassano Jonio che hanno eseguito i rilievi. A subire le conseguenze più gravi pare sia stata la dottoressa che avrebbe riportato un trauma toracico, meno gravi sono sembrate le condizioni delle tre maestre.

Pino La Rocca

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *