Redazione Paese24.it

Trebisacce, Minoranza: «Invece di tartassare famiglie perchè la Maggioranza non riduce spese del suo entourage?»

Trebisacce, Minoranza: «Invece di tartassare famiglie perchè la Maggioranza non riduce spese del suo entourage?»
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

bbbbbA Trebisacce, l’appesantimento della leva fiscale non convince affatto l’Opposizione, la quale lancia un duro attacco alla Maggioranza rea, a giudizio della Minoranza, di tartassare le famiglie in un momento così delicato senza aver tentato altre strade e senza aver coinvolto la Minoranza nella fase decisionale. «Da un lato – si legge nella nota sottoscritta da Pino Sposato, Rocco Corvino e Davide Cavallo – continuano a gestire gli immobili comunali in modo improduttivo (solo 6mila euro annui per fotovoltaico su tutti i tetti comunali, solo 500euro annui per l’installazione di un chiosco antistante il cimitero per la vendita di fiori), dall’altro decidono di gravare pesantemente sui bilanci delle famiglie».

Dopo aver ricordato l’introduzione della TASI all’aliquota massima del 2,5 per mille e l’aumento dell’addizionale Irpef dallo 0,5 allo 0,8, i tre dell’Opposizione osservano: «Mentre la Maggioranza tenta di giustificare gli aumenti con le condizioni deficitarie del comune, di contro non ha messo in atto alcun tentativo di razionalizzare le spese, di ridurre il costo dei servizi e di ottimizzare la rendita dei beni comunali, limitandosi solo ad appesantire la leva fiscale in danno della famiglie trebisaccesi».

NUOVA APERTURA A ROSETO

NUOVA APERTURA A ROSETO

Per giustificare questo assunto, la Minoranza cita due esempi: il primo riguarderebbe l’Area tecnica, che poteva essere affidata ad una figura apicale già presente in organico mentre la Maggioranza ha inteso conferire incarico ad un professionista esterno, con conseguente aumento dei costi; il secondo caso riguarderebbe la dirigenza della Polizia Municipale che, sempre secondo i tre dell’Opposizione, si poteva affidare al dirigente dell’area amministrativa, come in passato. A proposito poi delle lamentale sull’assenza della Minoranza in consiglio, quest’ultima osserva che la presenza sarebbe valsa davvero poco perché, si legge: «La Maggioranza di solito se la canta e se la suona da sola, mentre sarebbe stato utile un coinvolgimento nella fase decisionale, anziché cercare la nostra “sponda” solo nella fase di approvazione di decisioni assunte unilateralmente.In definitiva, quindi, – si legge in coda alla nota – la Maggioranza non ha dimostrato alcuna capacità amministrativa e nessun merito va quindi riconosciuto a chi, pur rivendicando il merito di aver intrapreso una grande opera di risanamento finanziario, sta onorando debiti “vecchi” facendo debiti “nuovi” e imponendo pesanti sacrifici ai cittadini, mentre sarebbe più opportuno iniziare a ridurre le spese all’interno del proprio “entourage”».

Pino La Rocca

 

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *