Redazione Paese24.it

Rossano, un anno senza Tribunale. Tra battaglie inutili e promesse mancate di riapertura

Rossano, un anno senza Tribunale. Tra battaglie inutili e promesse mancate di riapertura
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF
Il tribunale di Rossano

Il tribunale di Rossano

Un anno fa, precisamente il 13 settembre 2013, il Tribunale di Rossano venne accorpato a quello di Castrovillari. Un anniversario triste per gli avvocati e il personale amministrativo, oltre per i numerosi cittadini dell’intera fascia jonica cosentina e di tutti i sindaci del territorio, per la soppressione dell’importante e storico presidio di giustizia bizantino (1862-2013). Tanti i disagi in questi dodici mesi per gli avvocati e gli utenti. Inutili le battaglie in difesa del Tribunale di Rossano, portate avanti con grande determinazione sia dal Comitato “IO NON CHIUDO” presieduto dall’avvocato Maurizio Minnicelli e sia dall’avvocato Pasquale Catalano, in cui, ad oggi, nulla è cambiato e le decisioni sono rimaste invariate. Non c’è stato, dunque, il tanto atteso decreto correttivo che permetteva l’eventuale riapertura del Tribunale di Rossano. Da elogiare, comunque, l’impegno di quanti, giorno e notte, hanno presidiato il palazzo di giustizia rossanese per evitare l’accorpamento a quello di Castrovillari. Ciò che avvenuto. Non bisogna, però, dimenticare, a distanza di un anno, lo sciopero della fame dell’avvocato Mauro Mitidieri (avvocato) e Flavio Stasi (Movimento “Terra e Popolo”), la pedalata da Rossano a Roma degli avvocati: Mitieri e Ruffo, il ricorso presentato al TAR Calabria dagli avvocati: Pasquale Catalano e Giuseppe Labonia, cortei di protesta in città e sulla S.S. 106, incontri istituzionali con politici e parlamentari, ma anche altre iniziative promosse da associazioni locali, comitati spontanei e semplici cittadini. Un excursus di eventi che, alla fine, non sono serviti a nulla. La soppressione del Tribunale di Rossano, mai accettata dagli avvocati e dai cittadini dell’intera fascia jonica cosentina, non ha portato benefici all’intero territorio. Il popolo, ancora oggi, chiede, a gran voce, la riapertura dell’importante palazzo di giustizia bizantino, al fine di continuare a garantire legalità e sicurezza in un’area, la Sibariride, dove, negli ultimi anni, si sono registrati dati allarmanti.

Antonio Le Fosse

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *