Redazione Paese24.it

Rossano, nessun decreto “salva Tribunale”. Dopo 150 anni cala il sipario sul presidio di giustizia

Rossano, nessun decreto “salva Tribunale”. Dopo 150 anni cala il sipario sul presidio di giustizia
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF
Tribunale di Rossano

Tribunale di Rossano

«Non c’è più niente da fare è stato bello sognare». Cantava così Bobby Solo un bel po’ di anni fa, ma l’attacco di questa celebre canzone calza a pennello per rappresentare le sorti del Tribunale di Rossano. Ormai non c’è più nulla da fare; è passato un anno esatto dalla chiusura del presidio di giustizia e il tempo è scaduto. Non è arrivato nessun decreto correttivo (tempo massimo 13 settembre, a onor di cronaca) per ripristinare il “tribunalino”, come veniva definito da alcuni in maniera spregiativa.

Se proprio vogliamo trovare un aspetto positivo a questa (paradossale) vicenda è che adesso sono ufficialmente finiti i proclami, e a ridosso delle elezioni regionali, con i politicanti pronti a sbarcare in massa nel territorio della Sibaritide per vomitarci addosso le loro roboanti dichiarazioni,  è un aspetto a dir poco consolante. Basta quindi ai politici locali e nazionali di dubbia caratura che arrivavano a Rossano promettendo un immediato interessamento, e di conseguenza una rapida soluzione, per riaprire il Tribunale. Di contro, da domani preparatevi alla strategia tutta italiana dello “scaricabarile”, con amministratori e governanti pronti a riservare sugli altri le colpe della chiusura di un palazzo di giustizia che era presente sul territorio da 150 anni. A farne le spese, per questo ennesimo fallimento dei rappresentanti politici locali (soprattutto di quelli “trapiantati” a Roma), sono, ovviamente, i cittadini della Sibaritide: frustrati, delusi e ormai spettatori passivi di questo ulteriore scippo avvenuto ai danni di un territorio che viene puntualmente umiliato dalle scelte prese nei “palazzi che contano” della Capitale.

Nota a margine: restano ora da chiarire alcuni quesiti importanti dopo che è stata posta definitivamente la parola fine sul presidio di giustizia della città bizantina. In primis: come e in che cosa verrà convertita la struttura dell’ormai ex Tribunale? In che modo si intende dare un nuovo impulso alla vita del centro storico rossanese? Minato, da tempo, dalla delinquenza dilagante e dalla fuga di abitanti verso lo scalo cittadino e, da un anno a questa parte, logorato anche dalla cancellazione di una struttura che portava qualche quattrino alle attività commerciali della parte alta di Rossano.

A questo giro di giostra attendiamo, però, risposte concrete e non proclami.

Pasqualino Bruno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *