Redazione Paese24.it

Rossano pensa al “turismo di guerra”. E qualcuno propone di recuperare le scritte fasciste sui muri

Rossano pensa al “turismo di guerra”. E qualcuno propone di recuperare le scritte fasciste sui muri
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF
Una casamatta presente sulla spiaggia rossanese

Una casamatta presente sulla spiaggia rossanese

Recuperare e rigenerare dei pezzi di storia del secondo conflitto bellico o del ventennio fascista, per renderli appetibili per il visitatore, nell’ambito del cosiddetto “turismo di guerra”. L’idea, che già non ha mancato di far storcere in naso a qualcuno sui social media, è di Patrizia Uva, presidente del gruppo consiliare misto del comune di Rossano. Il progetto della Uva, sarebbe quello di recuperare e inserire in una apposita segnaletica turistico-culturale sia le diverse casematte della Seconda guerra mondiale ancora rinvenibili sulle spiagge di Rossano, sia le scritte murali d’epoca fascista chiaramente visibili su qualche facciata del centro storico della città bizantina.

Per Uva, quindi, si potrebbe ripercorrere quello che avviene già in altre città italiane e straniere, come avviene ad esempio a Roma, con l’architettura fascista dell’Eur a Roma, che rappresenta un momento di attrazione anche turistica del tutto decontestualizzato dall’epoca e dal momento politico e ideologico di sua realizzazione.

«La storia lascia segni – ha dichiarato Patrizia Uva nel motivare la sua idea – che non si possono cancellare. Servono per ricordare, nel bene e nel male. E non solo. A volte simboli e segni del passato anche recente, oltre il significato ed il contesto socio-politico nel e per il quale sono stati originati, possono rappresentare un oggettivo valore aggiunto. E utile. Sia in termini di restauro conservativo urbano – ha continuato ROSSANO-PIAZZADEITRIBUNALI-RIPRODUZIONEl’esponente del consiglio comunale rossanese – contribuendo ad offrire plasticamente e pubblicamente lezioni di storia alle nuove generazioni, sollecitando la memoria collettiva spesso dormiente. Sia in termini di nuovo appeal turistico per determinati target di viaggiatori non solo italiani alla ricerca di tracce architettoniche o di altra natura, relative ad esempio al periodo della Seconda Guerra Mondiale o dell’immediato dopoguerra. Mi riferisco – ha concluso – al cosiddetto “turismo di guerra”, che produce numeri importanti in Italia e in diverse e famose località del centro e nord Europa. Un esempio internazionale fra i tanti, le cinque spiagge del D-Day, che hanno visto lo sbarco degli alleati in Normandia nel 1944, candidate a diventare “Patrimonio dell’Umanità” con il bollino Unesco».

Patrizia Uva, intanto, ha presentato la sua proposta all’assessore al turismo Guglielmo Caputo che ne vaglierà la fattibilità e la reale aderenza a un contesto come quello di Rossano.

Pasqualino Bruno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *