Redazione Paese24.it

Catanzaro, protesta degli Lsu-Lpu: rivendicano gli stipendi non pagati

Catanzaro, protesta degli Lsu-Lpu: rivendicano gli stipendi non pagati
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF
Il corteo dei lavoratori precari a Catanzaro

Il corteo dei lavoratori precari a Catanzaro

Massiccia la partecipazione di Lsu-Lpu calabresi alla manifestazione di protesta, promossa dal sindacato autonomo Usb, dinanzi alla sede dell’Assessorato regionale al Lavoro nella città di Catanzaro. I manifestanti per circa un’ora, nella mattinata di giovedì 25 settembre, hanno bloccato il lungo viale Lucrezia della Valle, nel capoluogo calabrese, per rivendicare i propri diritti e il pagamento delle mensilità arretrate.  Tanti i disagi per i cittadini e per la circolazione veicolare lungo l’arteria. I precari, in particolare, chiedono alla Regione Calabria il rispetto delle determinazioni assunte nella seduta del Consiglio regionale dell’11 settembre scorso quando l’assemblea aveva approvato un ordine del giorno che autorizzava la Giunta regionale allo sforamento del “Patto di Stabilità” in modo tale da assicurare il pagamento delle spettanze ai lavoratori socialmente utili e di pubblica utilità. Una delegazione di lavoratori, poi, si è recata a Palazzo Alemanni, sede della Presidenza della Regione, per incontrare i vertici dell’Ente, al fine di riuscire a trovare una soluzione all’annosa e tormentata vicenda che si trascina ormai da diversi anni in cui i numerosi precari calabresi chiedono, a gran voce, la loro definitiva stabilizzazione.

Antonio Le Fosse

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *