Redazione Paese24.it

Callipo all’ex ospedale di Trebisacce. Spatola: «Solite promesse elettorali. Più rispetto per i cittadini»

Callipo all’ex ospedale di Trebisacce. Spatola: «Solite promesse elettorali. Più rispetto per i cittadini»
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

calliipo_trebisacce2E’ stato un grave errore ospitare l’aspirante governatore della Calabria Gianluca Callipo presso l’ex ospedale di Trebisacce perché questo è il tempo delle facili promesse e degli altrettanto facili tradimenti, mentre la salute della gente merita ben altra considerazione e più rispetto. A sostenerlo è l’ex vice-sindaco Remo Spatola che rimprovera agli organizzatori dell’incontro di aver “toppato” nelle scelta del “Chidichimo” la cui chiusura, secondo Spatola, ha tanti padrini, sia di destra che di sinistra. «Il Chidichimo – scrive l’architetto Spatola – ha rappresentato per anni un punto di riferimento certo per tutti noi e ora che non c’è più e la situazione sanitaria si è aggravata enormemente, al danno si unisce anche la beffa: come può, infatti, un candidato alle Primarie del centrosinistra scegliere quel luogo “sacro” per fare propaganda politica?  Come può – aggiunge l’esponente del PD – lo stesso candidato che al momento non ricopre alcun ruolo istituzionale regalare promesse quando lui stesso sa di non poterle onorare?». E’ chiaro che l’affondo di Spatola ha sullo sfondo la battaglia per le Primarie, nelle quali, come avviene ormai di frequente, la piazza politica locale è divisa su due fronti.

PER IL TUO SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA SCEGLI NOI (clicca)

PER IL TUO SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA SCEGLI NOI (clicca)

«I cittadini dell’Alto Jonio – aggiunge l’ex vice-sindaco – non hanno bisogno di promesse ma di fatti concreti. Hanno bisogno che la politica faccia ammenda e ponga rimedio ai tanti guasti prodotti sia dalla destra che dalla sinistra, tanto è vero che è difficile per i cittadini è difficili trovare differenza tra gli uni e gli altri. La verità è che neanche i tifosi di Callipo, politicanti improvvisati, hanno capito la gravità della situazione».

Più che contro Callipo in realtà Spatola fa partire frecce avvelenate contro gli organizzatori dell’incontro e se la prende in particolare contro il sindaco Mundo ed il segretario del PD De Marco seduti al tavolo dell’incontro «i quali – scrive Spatola scagionando lo stesso Callipo – hanno partecipato ad una farsa, senza tenere in debito conto la sofferenza delle popolazioni locali con il solo obiettivo di accaparrarsi qualche preferenza alle Primarie. A questi amministratori – conclude Remo Spatola – vada tutto il mio rammarico e quello dei cittadini che sicuramente non si lasceranno prendere in giro… Le Primarie sono il luogo della responsabilità, del confronto democratico e non il luogo per le facili promesse». Intanto per il I° ottobre alle ore 18 è previsto l’incontro con Mario Oliverio, questa volta però al comune e non all’ospedale.

Pino La Rocca

Share Button

2 Responses to Callipo all’ex ospedale di Trebisacce. Spatola: «Solite promesse elettorali. Più rispetto per i cittadini»

  1. Domenico Pittino 2014/09/29 at 21:56

    Giustificate e sensate le osservazioni del vice-sindaco di Trebisacce, ma più che con il sindaco Mundo mi accanirei sopratutto nei confronti di chi CONOSCENDO FATTI E MISFATTI dell’Ospedale di Trebisacce, nosocomio importantissimo per tutto l’Alto Jonio, si è permesso il lusso di venire a girare la lama nella piaga. Come fa un “politico” permettersi di continuare una scenata ormai atavica?!?!?!? Quale coraggio e sfacciataggine … garantire senza pensare che così facendo alla gente dell’Alto Jonio ci si rivolge con inganno?!?!?!? Come si fa?!?!?!?!?!?
    Ma lo sappiamo bene come si fa: quando c’è odore di elezioni …tutto diventa più facile.
    In politica si è commesso sempre errori e si continuerà a commetterne ancora, ma questo non è un errore …è peggio: è oltraggio politico nei confronti di una popolazione costretta ad emigrare per curarsi.
    Caro candidato Callipo: se questo è il modo di fare politica, …se questo è l’intenzione di amministrare la nostra terra …beh!!!, non sarà certo la gente dell’Alto Jonio che ti consentirà di farlo, ormai troppo abituata alle promesse elettorali.

    DOMENICO PITTINO – IdM – l’Italia del Meridione.

    Rispondi
  2. Pagano Giuseppe 2014/09/30 at 12:21

    Cosa vuol dire “politicanti improvvisati?PERCHE’ PER ESSERE UN POLITICO O FARE POLITICA OCCORRE LA LAUREA IN MATERIA?E a parlare è l’architetto Spatola,vecchio esponente della politica .

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *