Redazione Paese24.it

Trebisacce, verso le Regionali. Oliverio lancia la sua volata in vista delle Primarie

Trebisacce, verso le Regionali. Oliverio lancia la sua volata in vista delle Primarie
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Oliverio 1Le Primarie del centrosinistra sono ormai dietro l’angolo (domenica 5 ottobre), gli incontri sono febbrili e di conseguenza Mario Oliverio è arrivato in ritardo a Trebisacce. Ma i suoi supporters provenienti da tutto l’Alto Jonio, (sindaci, amministratori, esponenti politici, segretari di partito e gente comune) lo hanno aspettano pazientemente e al suo arrivo a stento la sala consiliare riusciva a contenere tutti. Appena ha preso la parola, si è scusato e, subito dopo l’introduzione del sindaco di casa Franco Mundo che ha ricordato a tutti come Oliverio conosca bene i problemi dell’Alto Jonio ed in particolare quello della sanità e del giovane Vincenzo Pittelli che ha parlato a nome dei giovani democrat, è entrato nel vivo del dibattito di questi giorni. «Hanno provato in tutti i modi – ha esordito con il suo linguaggio chiaro e  diretto – a impedire le Primarie per liberarsi della mia candidatura e per calare dall’alto il candidato, ma girando per l’intera regione mi sono reso conto che c’è un’onda gigante, di tipo popolare, che ci fa essere ottimisti e non certo – aggiunge l’ex presidente dopo aver ricordato tutti i ruoli istituzionali rivestiti a partire dai suoi 26 anni (consigliere e assessore regionale, parlamentare della Repubblica per due consiliature..) per fregiarmi di un’altra patacca, ma perché mi rendo conto che la Calabria è in una situazione drammatica». A questo proposito Oliverio ha ricordato il rapporto Svimez che la pone all’ultimo posto in tutte le graduatorie per disoccupazione (54%), per reddito pro-capite (metà della media nazionale)…

Oliverio 2«A fronte di tutto questo – ha aggiunto Mario Oliverio – abbiamo un governo regionale che utilizza solo 16% dei fondi UE e il resto lo restituisce, mentre in Calabria ci sono servizi da terzo mondo». A questo proposito ha accennato, con riferimento a Trabisacce, al disastro sanitario «che – ha affermato – non garantisce neanche i LEA e l’emergenza-urgenza perché le scelte sono state assoggettate alla sola logica dei numeri mentre a pagare sono sempre i più deboli». Nonostante la ristrettezza dei tempi Oliverio è un fiume in piena. Ha quindi accennato alla necessità di alleanze chiare e senza “inciuci”. «Noi – ha aggiunto – proponiamo un nuovo ciclo, limpido e senza ombre: la Calabria deve infatti liberarsi dello stereotipo negativo e dare di sé un’immagine diversa…. Chiedo perciò all’Alto Jonio – ha concluso tra gli applausi – il sostegno di amministratori e popolazione per uno sforzo comune, capace di imporre il cambiamento della Calabria, che però si può ottenere solo con il concorso dei calabresi».

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *