Redazione Paese24.it

Rossano, il comitato di Bucita chiede un incontro col sindaco per la questione discarica

Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF
La discarica di Bucita

La discarica di Bucita

Il comitato di Bucita torna a chiedere un incontro con il sindaco di Rossano, Giuseppe Antoniotti. Il motivo della richiesta è la difficile situazione della discarica situata proprio in contrada Bucita, dove, secondo anche la denuncia effettuata da Flavio Stasi (referente regionale di “Legge Rifiuti Zero” ed esponente del movimento “Terra e Popolo”) sono stati abbancati 60mila metri cubi di rifiuti abusivi (qui l’articolo).

Dall’undici settembre scorso, quello di oggi (venerdì 3 ottobre ndr) è il terzo tentativo da parte del comitato di avere un colloquio con il primo cittadino di Rossano.

«Abbiamo protocollato la prima richiesta di incontro l’11 settembre scorso – ha spiegato Giuseppe Campana, presidente del comitato Bucita -, spinti da un senso di urgenza alla luce dei riscontri su una quantità di materiale non classificata e di ignota natura che sarebbe depositata nella discarica. E lo abbiamo fatto con la convinzione di creare una sinergia fra noi e le istituzioni cittadine in grado di delineare una forte e decisa linea di azione comune. Non avendo ricevuto alcuna risposta – ha proseguito  Campana – abbiamo sollecitato pubblicamente il sindaco con una nota stampa del 18 settembre. E torniamo a farlo anche oggi, quasi un mese dopo la richiesta, allegando le 60 firme raccolte durante l’ultima riunione del comitato. Torniamo a farlo perché davvero non riusciamo a capire come mai la nostra richiesta sia tuttora ignorata».

Campana, in chiusura, ha tenuto a sottolineare che «il tema è pressante e c’è bisogno della massima collaborazione di tutti. Solo un’azione congiunta con le autorità competenti può aprire la strada ad azioni efficaci di salvaguardia e tutela del territorio. In passato siamo riusciti proprio grazie a queste battaglie ad ottenere dei risultati e crediamo che sia proprio questa la strada da percorrere per ottenerne degli altri in futuro. Chiediamo pubblicamente al sindaco, quindi, di valutare la nostra richiesta di incontro e di farci avere una risposta».

Pasqualino Bruno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *