Redazione Paese24.it

Rossano, turisti in calo in estate. Smurra (Pro Loco): «maltempo e crisi economica le cause»

Rossano, turisti in calo in estate. Smurra (Pro Loco): «maltempo e crisi economica le cause»
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF
Federico Smurra, presidente della Proloco Rossanese

Federico Smurra, presidente della Proloco Rossanese

Non è stata una stagione estiva esaltante, dal punto di vista economico, per Rossano.  A fare un attento esame dei flussi dei vacanzieri generati dalla città bizantina durante il periodo estivo, è stato il presidente della Pro Loco rossanese e dirigente dell’Unpli Cosenza, Federico Smurra, che ha analizzato in anteprima i dati in valori assoluti forniti dall’Ufficio statistico della Provincia di Cosenza.

«La stagione turistica appena conclusa – ha evidenziato Smurra -, tra il maltempo e il perdurare della crisi economica, ha fatto registrare un brusco calo dei flussi dei vacanzieri per la città di Rossano. Il dato, se paragonato a quello provinciale e regionale non si discosta di molto dalle altre località. Tutto ciò ha generato, sottostimando i fattori, a una perdita economica per l’intero comparto che si aggira intorno ai 2 milioni di euro di fatturato per il territorio. Da un’attenta analisi – ha proseguito il presidente della Pro Loco bizantina -, effettuata sui dati turistici dell’ultima stagione, corrispondenti al periodo giugno–agosto 2014, analizzata con appositi indicatori, è emerso che la domanda turistica si è contratta complessivamente del 22% in merito agli arrivi (numero di turisti che arrivano in una località ndr), e del 19% per le presenze (permanenza dei turisti nella località ndr) rispetto allo stesso periodo del 2013. Se si confrontano i dati con l’ultimo quinquennio le percentuali in molti casi salgono. Solo il mese di agosto ha fatto registrare un dato tendenziale in controtendenza per quanto riguarda gli arrivi pari al + 5,3 %, mentre per le presenze il dato segna un – 6,3%».

«A generare questa contrazione della domanda complessiva – ha continuato Smurra – sono stati da un lato il maltempo, che si è accanito nei mesi di giugno e luglio sulla località bizantina e, dall’altro, la crisi economica che ha influito sostanzialmente sul calo sostanziale della domanda interna.  Da segnalare,  il forte calo dei  flussi turistici stranieri,  che ha fatto segnare un sorprendente decremento del 78% come arrivi e del 87% come presenze. Per il 2014 la domanda straniera si è attestata complessivamente al 5 % sugli interi flussi che hanno fatto vacanza nella città bizantina. Se si rapporta al 2013 l’incidenza tendenziale della domanda straniera è negativa ovvero, si è registrato un – 10%. Su questo dato bisogna rimarcare che il boom dello scorso anno era legato alle iniziative di incentivazione fatte dalla Regione Calabria».

L’analisi ha illustrato anche la provenienza dei  turisti  che hanno visitato la città bizantina. Per le  regioni di provenienza  italiane  al primo posto si colloca  la Campania, seguita dalla Puglia e dal Lazio. Per quando riguarda gli stati esteri, le nazioni da dove provengono i maggiori flussi di turisti stranieri sono la Germania, seguita dalla Francia e dal Belgio.

«In merito alla permanenza media dei turisti nella località rossanese – ha chiosato Smurra – essa si attesta complessivamente a  6 giorni e mezzo, con un decremento complessivo di mezza giornata rispetto al 2013. Gli italiani hanno trascorso circa 8 giorni nella località rossanese mentre, gli stranieri hanno trascorso circa 5 giornate nel periodo osservato. In merito all’offerta turistica rossanese, la capacità ricettiva media della località è diminuita rispetto al 2013 del 4%. Cambia, ma al negativo il rapporto bagni/camere  rispetto all’anno precedente. Quest’ultimo indicatore di qualità, si attesta al 51,3 %, ovvero significa che abbiamo circa 51 bagni ogni 100 camere. In merito al grado di utilizzazione delle strutture, esso si attesta a circa il 20% nel periodo osservato, con una forte contrazione rispetto al 2013, pari a circa il 50%».

Smurra, in chiusura, ha fornito anche qualche utile indicazione per sovvertire il trend negativo. «Bisogna, a mio modesto avviso, destagionalizzare, ritornare ad investire, come fatto nel passato,  tramite collaborazione con l’Ente regionale in termini di presenze a fiere di settore con le varie associazioni di imprenditori turistici,  intercettando tramite i buyer stranieri i relativi flussi. Inoltre, bisogna analizzare la domanda, migliorare ed aumentare i collegamenti da e per il territorio,  migliorare la professionalità delle figure turistiche, migliorare la qualità dei servizi delle strutture  e  differenziare l’offerta turistica».

Pasqualino Bruno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *