Redazione Paese24.it

Regione, Gagliardi sprona gli aspiranti governatori: «Rifiuti: soluzioni rapide o protesteremo»

Regione, Gagliardi sprona gli aspiranti governatori: «Rifiuti: soluzioni rapide o protesteremo»
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

raccoltaDifferenziata«Soluzioni immediate per contrastare l’emergenza rifiuti o sarà disobbedienza civile». Non usa mezzi termini il sindaco di Saracena Mario Albino Gagliardi, che ha invitato i candidati alla presidenza della prossima giunta regionale a mettere in cima ai loro impegni il “problema monnezza”. D’altronde, proprio la gestione della raccolta della spazzatura è il cavallo di battaglia del primo cittadino di Saracena, la comunità del Pollino, infatti, rappresenta nel settore del ciclo virtuoso dei rifiuti e dell’acqua pubblica una delle positive eccezioni nel panorama meridionale e italiano.

«Se nel giro di pochi mesi – ha tuonato Gagliardi – così com’è tecnicamente possibile, il prossimo esecutivo regionale, qualunque dovesse essere, non deciderà e dimostrerà di voler interrompere la consolidata e sporca commistione tra potere politico, burocrazia regionale e speculazione privata e criminale sull’affare rifiuti perpetrata a danno della salute e delle risorse di questa terra, obbligando i comuni alla differenziata, allora – ha chiosato il sindaco di Saracena – ai calabresi onesti non resterà che organizzarsi dal basso e resistere con una grande, diffusa e dirompente disobbedienza civile. Pagare la tasse rappresenta il sigillo di fiducia di quel patto sociale tra cittadino e istituzione pubblica che sta alla base della convivenza civile e democratica.  Oliverio, Ferro, Cantelmi, D’Ascola e Gattuso (i cinque candidati alla presidenza della regione Calabria ndr) hanno una responsabilità storica e un dovere di chiarezza verso tutto l’elettorato e verso le nuove generazioni, adempiendo il quale – ha concluso Gagliardi – si inizierà a restituire forse un minimo di dignità alla politica ed alle stesse istituzioni».

Pasqualino Bruno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *