Redazione Paese24.it

Trebisacce, svelato il mistero su ritardo lavori lungomare. Manca il “classico” certificato

Trebisacce, svelato il mistero su ritardo lavori lungomare. Manca il “classico” certificato
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

lungSvelato l’arcano e smentite le voci tendenziose sui ritardi che riguardano i lavori di riqualificazione del Lungomare che i trebisaccesi aspettano da oltre quattro anni. Il ritardo dipenderebbe dalla solita pachidermica burocrazia italiana: manca infatti una certificazione di merito che deve essere rilasciata dalla Sovrintendenza Regionale che gli amministratori stanno sollecitando da tempo. Non è vero dunque che il finanziamento di 2milioni di euro erogati dall’assessorato regionale ai Lavori Pubblici è stato ritirato, né che i ritardi abbiano una motivazione strategica da parte dell’esecutivo comunale.

locandina atl.Lo ha precisato il sindaco Francesco Mundo il quale ha riferito che i fondi sono già disponibili in quanto il comune ha già acceso il mutuo con la Cassa DD.PP. e addirittura sta già pagando la rata di ammortamento. Nel frattempo, per poter avviare i lavori appena sarà arrivato il via libera della Sovrintendenza, è stata colmata l’ultima lacuna. Nei giorni scorsi il dirigente dell’area tecnica arch. Antonio Brunacci, in qualità di responsabile del procedimento, ha affidato l’incarico provvisorio di “Direzione Lavori, Contabilità e Direzione Operativa, oltre al coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione dei lavori relativi agli interventi di difesa costiera e lavori di riqualificazione delle aree circostanti il lungomare al Raggruppamento temporaneo dei tecnici”, costituito da ben 3 ingegneri e tre architetti del luogo, di cui è capogruppo l’ingegnere Francesco Gatto di Trebisacce.

Pino La Rocca

Share Button

One Response to Trebisacce, svelato il mistero su ritardo lavori lungomare. Manca il “classico” certificato

  1. Odoguardi Giuseppe 2014/11/01 at 14:43

    Parole soltanto parole. E intanto Trebisacce muore.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *