Redazione Paese24.it

Cardiologi “notturni” al PPI di Trebisacce. Ma solo per due mesi

Cardiologi “notturni” al PPI di Trebisacce. Ma solo per due mesi
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

cardiologyDisposta la pronta disponibilità notturna e festiva degli specialisti cardiologi a supporto del personale medico del PPI (punto di primo intervento) di Trebisacce di cui è responsabile il dottor Giorgio Ferrara. L’ha disposta, a decorrere dal 25 ottobre scorso e fino al 31 dicembre 2014, il direttore generale dell’Asp cosentina Gianfranco Scarpelli a seguito delle reiterate sollecitazioni del sindaco della città Francesco Mundo e dello stesso dottor Ferrara, ben consapevoli che il 75% dei pazienti che si rivolgono al PPI presentano patologie cardiovascolari nelle quali, come è noto, sono determinanti la lotta contro il tempo ed il tempestivo intervento dello specialista. D’ora in poi i tre medici-cardiologi di Trebisacce che prestano servizio presso l’ambulatorio di cardiologia del CAPT e assicurano quotidianamente il supporto alla Lungodegenza-RSA medicalizzata saranno reperibili anche nelle ore notturne e nei giorni festivi, proprio quando l’assistenza sanitaria diventa meno efficace e più aleatoria perché affidata alla sola Guardia Medica. Si tratta quindi di un importante tassello che va a colmare una grossa lacuna nelle situazioni di emergenza-urgenza.

SL1SYSTEMS sponsor pag. 20La decisone del diggì Scarpelli è comunque limitata ai mesi di novembre e dicembre perché, come si evince dalla stessa disposizione, è stata adottata nelle more della “prossima adozione del progetto di tele-cardiologia, la cui implementazione – si legge – sarà completata entro la fine di quest’anno contestualmente all’approvazione del piano operativo regionale relativo alla rete ospedaliera dell’emergenza-urgenza”. «Si tratta – ha dichiarato il sindaco Mundo che ha ringraziato pubblicamente il dottor Scarpelli – di una disposizione temporanea destinata a tamponare la situazione, ma noi siamo fiduciosi che il nuovo piano regionale ponga rimedio agli errori commessi finora e ridia a Trebisacce e all’Alto Jonio il maltolto, riaprendo le divisioni di base e mettendo il nostro ospedale nelle condizioni di fronteggiare l’emergenza-urgenza».

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *