Redazione Paese24.it

Amendolara, sventata truffa “dello specchietto”. Giovane coppia fermata dai carabinieri

Amendolara, sventata truffa “dello specchietto”. Giovane coppia fermata dai carabinieri
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF
Repertorio

Repertorio

Sventata ieri pomeriggio (venerdì) ad Amendolara Marina l’ormai nota truffa “dello specchietto”. I carabinieri della stazione di Roseto Capo Spulico, infatti, hanno fermato due giovani coniugi 25enni residenti a Noto (Siracusa): F.F. nato a Vercelli e la moglie D.A.A. nata a Foggia e già noti alle forze dell’ordine, i quali, poco prima, con raggiri e artifizi cercavano, lungo la statale 106, di farsi consegnare da un pensionato del luogo una somma di denaro come risarcimento di un incidente stradale, naturalmente mai avvenuto ma simulato dai “Bonnie e Clyde” del momento.

La tecnica sembra essere la stessa: una macchina si accosta a quella del malcapitato (di solito persone anziane e da sole in auto) con i furfanti che cercano di far credere alla vittima di essere stati urtati creando un danno alla vettura, tanto da scendere in contrattazione per spillare qualche decina o centinaia di euro. Cose simili sono state denunciate già nei vicini comuni di Trebisacce e Villapiana. La giovane coppia, nel caso di Amendolara, è stata arrestata ma rimessa subito in libertà su disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Per prevenire queste o altre azioni criminali è fondamentale la collaborazione dei cittadini che hanno il diritto-dovere di segnalare alle forze dell’ordine eventuali situazioni sospette.

Vincenzo La Camera

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *