Redazione Paese24.it

Gli alunni di Canna a scuola di reportage tra artisti e leggende

Gli alunni di Canna a scuola di reportage tra artisti e leggende
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

SONY DSCInteressante esperienza sul campo per gli allievi del progetto Pon F3 “Comunichiamo la scuola” di Canna (progetto svolto al termine dell’anno 2013-14), i quali in compagnia dei responsabili hanno trascorso una giornata nella vicina Rocca Imperiale a caccia di notizie e curiosità. Un reportage video e fotografico tra le bellezze architettoniche, gli artigiani e le leggende del “Paese dei limoni”. Nel corso delle lezioni precedenti all’uscita didattica, gli alunni, hanno preso confidenza con gli “attrezzi del mestiere” (fotocamera, videocamera, microfono, le tecniche dell’intervista e la capacità di prendere appunti) per poi essere pronti all’appuntamento “sul campo”.

Suggestiva la tappa nelle botteghe artigiane del restauratore e artista del legno Battista Favoino; del giovanissimo liutaio Marco Corrado e della sorprendente pittrice Romina Giordano. I piccoli reporter si sono cimentanti in interviste con microfono e telecamere catturando retroscena e segreti del mestiere.

Una tappa anche al Museo delle Cere gestito dal professor Mario Giuseppe Tufaro che ha accompagnato gli studenti di Canna in una suggestiva passeggiata dove potevi incontrare Alcide De Gasperi, Che Guevara, Madre Teresa di Calcutta, ma anche Polifemo e Papa Francesco.

Particolarmente formativa la visita al castello di Federico II in compagnia della guida Vincenzo Di Matteo, esperto come nessuno di leggende, storie e meandri del maniero. Anche in questo caso i “cronisti in erba” hanno raccolto tutte le informazioni possibili. La giornata dei nostri reporter è stata riassunta in servizio video girato da loro stessi. Al rientro a Canna, nel laboratorio di informatica, utilizzato dai corsisi come redazione per l’elaborazione degli articoli, è stato organizzato un incontro con il dirigente scolastico Walter Bellizzi che si è concesso per un’intervista sul suo lavoro quotidiano e sul suo rapporto con il mondo della scuola.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *