Redazione Paese24.it

“Giornata mondiale diabete”. Malate più di 50mila persone nella provincia di Cosenza

“Giornata mondiale diabete”. Malate più di 50mila persone nella provincia di Cosenza
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

diabeteInformazione e prevenzione nella “Giornata mondiale del diabete” (istituita nel 1991) in programma domani (14 novembre). Ma le inizitive si terranno nelle giornate di sabato 15 e domenica 16, in 500 città italiane. Anche la provincia di Cosenza aderisce all’iniziativa: Lauria, Laino Borgo, Scalea, Cetraro, Castrovillari, Cassano all’Jonio, Paola, Bisignano, Fuscaldo, Cerisano, Cosenza, Rende, le città in cui si terranno incontri informativi, valutazioni gratuite del rischio di sviluppare il diabete e consulenze gratuite.

Sono 52.848 (il 7%) le persone che nella provincia di Cosenza sanno di avere il diabete. Il loro numero è destinato ad aumentare a causa di sovrappeso, obesità e scarsa attività fisica. Una corretta alimentazione (meno pasta, pane e dolci, più frutta e verdura) ed esercizio fisico, infatti, possono prevenire le complicanze dovute al diabete (arterie e capillari, ictus, infarti, ischemie, problemi seri agli occhi, ai reni, ai piedi).

Nel 2012 in provincia di Cosenza 528 persone sono state in ospedale a causa di tali complicanze. Per ridurre i rischi sono poche le risorse di cui hanno bisogno: accesso – quando necessario – a medici e team specialistici, educazione sanitaria, accesso ai farmaci e all’autocontrollo della glicemia.  Grazie a questo tra il 2001 e il 2010, i ricoveri per complicanze sono scesi in Calabria del 56%, ma le quasi 140mila persone malate di diabete si aspettano una migliore assistenza: alcuni centri sono stati spostati o eliminati, la distribuzione dei presidi è da ottimizzare, si registrano lamentele per i microinfusori, i diabetologi sono pochi, e pochissimi lavorano in team. In alcuni centri si attendono anche sei mesi per una visita.

Associazioni e società scientifiche sottolineano che «il diabete in sé non è un costo per la collettività, ma lo diventa se le persone non ricevono dalla Regione i supporti necessari». Guai, dunque, a tagliare sulle risorse a tutela della salute.

Federica Grisolia

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *