Redazione Paese24.it

Guardia Costiera setaccia l’Alto Jonio. Sequestrati a Sibari 30 kg di pesce pronto per essere venduto illegalmente

Guardia Costiera setaccia l’Alto Jonio. Sequestrati a Sibari 30 kg di pesce pronto per essere venduto illegalmente
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

guardia costieraOltre 30 chili di prodotti ittici tra sarde, calamari, gamberi e seppie, in vendita nelle strade di Sibari, sono stati sequestrati dalla Capitaneria di porto di Corigliano Calabro. I militari degli uffici marittimi di Trebisacce e Montegiordano hanno passato al setaccio i punti di sbarco e le pescherie dell’Alto Jonio cosentino.

Le cassette erano poste nel bagagliaio di un furgone prive di ghiaccio, di un idoneo sistema di refrigerazione, nonché di autorizzazione sanitaria per la vendita ed il trasporto di prodotti destinati al commercio. A finire nei guai un ambulante coriglianese intento alla vendita del pesce in stato di cattiva conservazione e, per questo motivo, segnalato alla Procura della Repubblica di Castrovillari.

I veterinari dell’Azienda Sanitaria Provinciale, intervenuti su richiesta dei militari della Guardia costiera, hanno dichiarato la non idoneità per il consumo umano del prodotto ittico sequestrato. Negli ultimi tempi si sono intensificati i controlli nell’Alto Jonio cosentino contro la pesca illegale, a tutela dei consumatori e dell’ecosistema marino. La Guardia costiera invita «a prestare massima attenzione nell’acquisto dei prodotti ittici, privilegiando quelli che rispettano le procedure di garanzia e salubrità alimentare, evitando di comprare quelli venduti illecitamente e senza garanzie per strada da ambulanti privi di autorizzazioni».

Federica Grisolia

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *