Redazione Paese24.it

C’è aria di Medioevo a Rende. Il Museo del Presente fa un tuffo nel passato

C’è aria di Medioevo a Rende. Il Museo del Presente fa un tuffo nel passato
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

medioevoUn tuffo nella realtà medievale con la mostra organizzata dall’associazione Itineraria Bruttii onlus, diretta da Paolo Gallo, in collaborazione con il Comune di Rende e la Fondazione Brettion. Il Museo del Presente di Rende sarà lo scenario in cui venerdì 21 novembre, alle ore 10, verrà presentato questo Medioevo in miniatura con una conferenza stampa.

Due gli allestimenti in mostra fino al 20 dicembre: “Templaris. Recte Scire, recte agere” e “La tortura nel Medioevo: strumenti e metodi”. La prima prevede pannelli didattici sui temi principali della storia e della vita dei templari cui si affiancano armi, scudi, costumi ed oggetti di ornamento e di vita quotidiana con laboratori di living history e di teatro realizzati appositamente per le scuole. La seconda, invece,vuole informare sulle torture medievali attraverso l’esposizione di armi, congegni e strumenti di esecuzione capitale e di umiliazione pubblica, nonché pannelli con incisioni, stampe e dipinti d’epoca che riproducono l’uso scellerato del dolore e della violenza per estorcere ai condannati confessioni spesso falsate.

(clicca per ingrandire)

(clicca per ingrandire)

Più di una semplice mostra. I visitatori non solo potranno vedere da vicino e toccare le armi dei templari e gli strumenti di tortura ma, a richiesta, indossare un elmo, imbracciare uno scudo o provare di persona una gogna, immaginando così le atrocità e le violazioni dei diritti umani che tali strumenti erano in grado di generare. Gli ospiti, inoltre, potranno gustare dolci medievali e vino preparato secondo l’uso del tempo.

Il biglietto d’ingresso alla mostra è di €. 3,00 per gli adulti e di €. 2,00 per le scuole.

Laboratori di teatro in costume sui cavalieri e le dame medievali saranno, invece, disponibili per le scuole del primo ciclo al costo di €. 3,00.

Federica Grisolia

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *