Redazione Paese24.it

Albidona celebra il 4 novembre, bambini in corteo nel giorno dell’unità nazionale

Albidona celebra il 4 novembre, bambini in corteo nel giorno dell’unità nazionale
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

albidona MonumentoAiCadutiAnche Albidona ha voluto celebrare la festa del quattro novembre. La cittadina del Pollino ha voluto commemorare il giorno dell’Unità nazionale e delle forze armate, con un corteo che è partito dal Palazzo comunale e che ha visto la partecipazione dei ragazzi della scuola materna ed elementare, accompagnati dal corpo dei docenti e dal dirigente scolastico. Hanno partecipato anche gli uomini dell’Arma dei carabinieri e della Protezione Civile che si sono diretti nei pressi del monumento ai caduti di tutte le guerre, dove tutti hanno assistito alla deposizione della corona d’alloro e ai canti e alle  recite delle poesie da parte dei ragazzi della scuola. Il Presidente della Pro Loco di Albidona, Francesco Salvatore, portando il saluto e la vicinanza dell’associazione, ha posto al centro del suo breve ma efficace intervento la poesia di Giuseppe Ungaretti “San Martino del Carso” per invitare a riflettere «sull’orrore della guerra e della violenza» e a difendere i valori per i quali molti italiani hanno sacrificato la loro esistenza. Il dirigente scolastico ha incentrato il suo discorso invece sul valore della pace e dell’amore fra i popoli. Il sindaco, Salvatore Aurelio, dopo aver fatto una panoramica sul significato del 4 novembre, ha ringraziato i ragazzi per la loro presenza, gli insegnanti che con passione li hanno seguiti, i genitori, l’arma dei carabinieri, la Pro Loco, la Protezione civile e tutta la comunità. Ha terminato il suo intervento dicendo che «l’iniziativa dell’amministrazione comunale è stata utile per spiegare ai bambini e ai giovani presenti, che anche grazie all’estremo sacrificio che altri hanno fatto per noi oggi possiamo vivere in pace, libertà e democrazia».

Pasqualino Bruno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *