Redazione Paese24.it

Omicidio Luca Bruni, arrestati due esponenti della ‘ndrangheta cosentina

Omicidio Luca Bruni, arrestati due esponenti della ‘ndrangheta cosentina
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Gli assassini di Luca Bruni sarebbero degli esponenti della ‘ndrina cosentina. Nella mattinata di oggi (25 novembre ndr) i carabinieri del reparto operativo del comando provinciale di Cosenza hanno dato esecuzione a provvedimenti di fermo nei confronti di M. R., 38 anni (sottoposto a sorveglianza speciale) e A. F., 29 anni,  entrambi esponenti di punta di una delle cosche di Cosenza. I due sono gravemente indiziati per i reati di concorso in omicidio pluriaggravato, porto e detenzione illegale di armi e occultamento di cadavere (tutti aggravati dalle metodologie mafiose) nei confronti di Luca Bruni, di cui si sono perse le tracce quasi tre anni fa.

I provvedimenti sono stati emessi sulla scorta delle indagini coordinate dal Procuratore Lombardo, dal Procuratore aggiunto Bombardieri e dal sostituto procuratore Bruni e condotte dal Nucleo investigativo del reparto operativo. L’attività d’indagine è stata avviata in concomitanza con  la denuncia della scomparsa di Luca Bruni, avvenuta il 3 gennaio del 2012. L’uomo, che era stato scarcerato poco prima, aveva acquisito un ruolo di vertice all’interno della cosca di riferimento e cercava di ampliare il raggio d’azione degli interessi illeciti del suo gruppo criminale. Questo suo tentativo di allargare il volume degli affari è apparso in netto contrasto con i patti già stabiliti tra altre cosche del territorio. Bruni, secondo l’attività di indagine (che ha beneficiato anche del contributo di alcuni collaboratori), è stato ucciso perché vittima di un tranello. In particolare, l’uomo, fidandosi di alcuni dei fermati, era convinto  di partecipare a un incontro al vertice dell’organizzazione mafiosa, ma gli stessi, secondo gli inquirenti, lo hanno ucciso esplodendo al suo indirizzo dei colpi d’arma da fuoco e occultandone il cadavere.

Gravi indizi, in merito alla scomparsa di Luca Bruni, sono stati raccolti anche nei confronti del 47enne F. B. (attualmente detenuto per altri motivi) e del 40enne D. L., ricercato dalle forze dell’ordine. I fermati sono stati tradotti presso la casa circondariale di Cosenza.

Pasqualino Bruno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *