Redazione Paese24.it

Cosenza, Asp recluta personale senza concorso. Cgil chiede intervento della Procura

Cosenza, Asp recluta personale senza concorso. Cgil chiede intervento della Procura
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF
L'Asp di Cosenza

L’Asp di Cosenza

La Cgil si mobilita per tutelare i diritti degli LSU-LPU dell’Asp di Cosenza. Il segretario generale della sigla sindacale dell’area Pollino Sibaritide Tirreno, Angelo Sposato, ha presentato un esposto alla Procura della Repubblica di Castrovillari e al Generale Luciano Pezzi, commissario alla sanità della Regione Calabria. «L’azienda sanitaria provinciale di Cosenza – si legge nell’esposto – richiamando la legge regionale 12 del 07.07.2014  art.3 e le note dell’Assessorato al lavoro n.330350 del 21.10.2014 e n.347572 del 5.11.2014 dipartimento 10, ha attivato dei percorsi per attività in lavori socialmente utili e di pubblica utilità presso l’Azienda sanitaria di Cosenza per lavoratori precari e disoccupati di lunga durata. In data 17.11.2014 a seguito di tale provvedimento, sono state assegnate delle attività lavorative presso l’Azienda sanitaria di Cosenza per un numero imprecisato di postazioni senza alcuna selezione pubblica, bando o pubblicità della iniziativa».

Secondo la Cgil, quindi, «tale iniziativa va in contrasto con le normative specifiche in  materia di lavoro, oltre ad essere palesemente discriminatoria verso i disoccupati ed il bacino di tutto il precariato calabrese». Alla luce delle motivazioni elencate, la sigla sindacale ha chiesto alla Procura e al commissario alla sanità calabrese, un intervento «teso a sospendere la determinazione e accertare la legittimità e liceità degli atti al fine di adoperare ogni misura per stabilire la legalità».

Pasqualino Bruno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *