Redazione Paese24.it

Rossano, protesta precari per stipendi non pagati. Il sindaco dal Prefetto per una soluzione

Rossano, protesta precari per stipendi non pagati. Il sindaco dal Prefetto per una soluzione
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF
L'incontro di ieri tra l'assessore al personale Rodolfo Alfieri e i precari del comune di Rossano

L’incontro di ieri tra l’assessore al personale Rodolfo Alfieri e i precari del comune di Rossano

Protesta a oltranza da parte dei precari del comune di Rossano. Sono ben 150 gli operatori Lsu-Lpu,  che nella mattinata di ieri (due dicembre ndr), si sono riuniti in assemblea permanente nella sala del consiglio comunale nel Palazzo di città. Il motivo della protesta è legato ai mancati pagamenti di due mensilità arretrate. Il sindaco di Rossano, Giuseppe Antoniotti, ha ulteriormente ribadito che nelle casse comunali non ci sono i soldi a sufficienza per far fronte al pagamento degli stipendi. Si attendono, quindi, i fondi regionali per pagare i compensi dovuti agli operatori Lsu-Lpu.

«Noi sindaci – ha spiegato Antoniotti – continuiamo ad essere i parafulmini di una situazione degenerata in decenni di totale menefreghismo verso la vertenza di questi lavoratori. Lo Stato e la regione Calabria non trovano i soldi per provvedere al trasferimento dei fondi per il pagamento di due mensilità, e i comuni non sono nelle condizioni per sopperire a tale mancanza. Pur volendo, ad oggi – ha chiarito il sindaco di Rossano – non siamo nelle condizioni materiali per provvedere ai pagamenti perché le casse comunali sono in affanno e rimangono continuamente monitorate dalla Corte dei Conti. Nonostante tutto, continuiamo ad avanzare crediti importanti e riconosciuti, con appositi decreti, dal Governo». Antoniotti ha tenuto a precisare che «non lasceremo soli i nostri precari. Siamo coerenti e solidali con loro e verso le loro famiglie. Tant’è che nei giorni scorsi la Giunta, facendo seguito alle disposizioni di legge e agli ultimi decreti interministeriali ha approvato un deliberato attraverso il quale si esprime l’intendimento dell’amministrazione comunale di procedere all’assunzione a tempo determinato dei lavoratori socialmente utili e di pubblica utilità, attualmente utilizzati dal Comune di Rossano».

Nel frattempo, sempre nella giornata di martedì, una rappresentanza dei lavoratori socialmente utili e della pubblica utilità (con la partecipazione dei rappresentanti sindacali), ha incontrato il sindaco Antoniotti e l’assessore al personale Rodolfo Alfieri. Gli amministratori hanno comunicato alla delegazione dei precari di aver ottenuto per stamattina (mercoledì 3 dicembre ndr) udienza dal Prefetto Gianfranco Tomao, per discutere della vertenza in atto e trovare soluzione immediate. All’incontro nella sede territoriale del Governo di Cosenza, oltre al primo cittadino, parteciperanno le forza sociali interessate e i rappresentanti della ragioneria della Regione Calabria. L’obiettivo è quello di trovare soluzioni economiche immediate per garantire il pagamento degli stipendi arretrati nell’arco temporale di pochi giorni.

Pasqualino Bruno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *