Redazione Paese24.it

Saracena, dietrofront dell’Ente Parco Pollino. Arrivano altri fondi per sgombero neve

Saracena, dietrofront dell’Ente Parco Pollino. Arrivano altri fondi per sgombero neve
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

saracenaTira un sospiro il comune di Saracena per il reperimento, da parte dell’Ente parco del Pollino, di ulteriori fondi per il servizio di sgombero neve e spargimento sale sulle strade montane ad alta quota per l’anno 2014-2015. In un primo momento, come avevamo già scritto (qui l’articolo), la cittadina del Pollino era stata esclusa dall’elenco dei Comuni beneficiari di questi fondi.

Il sindaco di Saracena, Mario Albino Gagliardi, nel ringraziare il Presidente dell’ente Domenico Pappaterra per il sollecito intervento, ha puntualizzato che alcuni criteri adottati per l’assegnazione delle risorse  (come la priorità cronologica della richiesta ndr) rischiano di produrre effetti negativi.

«Che senso ha – ha evidenziato Gagliardi – destinare risorse a soggetti che eventualmente nel settore di intervento non dovessero garantire efficacia ed efficienza nell’erogazione dei servizi collaterali all’ambito in cui si interviene? O peggio, che senso ha – ha continua il sindaco – destinare gli stessi fondi a Comuni privi di aree destinate alla pratica delle attività sportive invernali? Non è forse giusto definire in via preliminare i servizi che i comuni devono garantire e che l’Ente Parco può autonomamente regolamentare, specificando le discipline sportive e i relativi servizi e, conseguentemente, assegnare i fondi non più in base a criteri palesemente oggettivi ma praticamente burocratici e/o lesivi dell’interesse generale che è garantito, invece, solo da criteri meritocratici esplicitamente verificabili? ».

Per fugare tutti i dubbi, il sindaco di Saracena ha suggerito, per l’immediato futuro, «un incontro collegiale tra tutte le amministrazioni interessate alla questione, nel corso del quale stabilire un percorso condiviso, di far valere sin dalle prossime annualità».

Pasqualino Bruno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *