Redazione Paese24.it

Cassano, cresce fenomeno randagismo. “Salvazampe” pensa ad un rifugio per cani

Cassano, cresce fenomeno randagismo. “Salvazampe” pensa ad un rifugio per cani
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

aaaaA Cassano all’Ionio il fenomeno del randagismo dilaga. Interviene l’associazione “Salvazampe” che è nata sul territorio con lo scopo di operare in difesa degli animali e dei loro diritti e promuovere attraverso attività di volontariato l’educazione e il rispetto verso il mondo a quattro zampe.

“Gli scopi che si prefigge l’associazione” – ci dice la sua presidentessa Felicia Laurito –  “sono molteplici: gestione di rifugi e qualunque altra struttura s’intenda come luogo di accoglienza, assistenza, cura e riabilitazione per tutti gli animali domestici o selvatici anche attraverso apposite convenzioni con privati o enti pubblici; nonché Intervenire concretamente contro randagismo e l’abbandono con politiche di sterilizzazione, soccorso, assistenza e ricollocazione degli animali randagi, abbandonati o maltrattati. “Intendiamo portare all’attenzione pubblica” – dice ancora la Laurito – “la drammatica situazione rimasta irrisolta sul nostro territorio che riguarda la piaga del randagismo al fine di sollecitarne una soluzione. Il problema c’è basta pensare che sono 65.000 i cani randagi in Calabria.

“Il nostro sogno?”-  dice ancora –  “è quello di realizzare un rifugio perché la nostra associazione è contraria ai canili tradizionali che sono  spesso conseguenza delle nascite indesiderate ed ovviamente all’interno di questo rifugio un attrezzato laboratorio veterinario e  l’anagrafe canina”. Per fare questo l’associazione Salvazampe si è fatta promotore di una raccolta di tappi di plastica, che possono essere venduti alle aziende che le riciclano utilizzando i  proventi  per finanziare la costruzione del rifugio Salvazampe e l’acquisto di medicine per gli animali da curare. Le idee, i progetti e la buona volontà c’è, l’associazione fa sapere di voler reclutare volontari e cercare fondi “poiché manca la voglia di operare o meglio di fare volontariato nel nostro territorio, manca la voglia di aiutare, da parte dei cittadini, le associazioni, che in questo caso vogliono promuovere il benessere sociale, e che invece spesso vengono viste in malo modo”.

Caterina La Banca

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *