Redazione Paese24.it

Villapiana, Pd all’attacco: «Il sindaco Montalti tra promesse non mantenute e politica clientelare»

Villapiana, Pd all’attacco: «Il sindaco Montalti tra promesse non mantenute e politica clientelare»
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

montalti«Promesse non mantenute e politica clientelare: il ritorno al passato del sindaco Montalti”. Esordisce così il documento-denuncia del Partito Democratico locale che, facendo il punto sui primi 8 mesi del nuovo esecutivo comunale, cerca di scaldare la piazza arrivando a chiedere le dimissioni dell’esecutivo. Si parte dalla questione-svincolo sulla costruenda S.S. 106: «Tre convegni, due manifesti e ben tre consigli comunali – si legge – per dire che senza lo svincolo Villapiana sarebbe rimasta isolata e lo sviluppo turistico sarebbe morto e sepolto. Svincolo che, – come sostiene il PD di Villapiana –  non si farà più nonostante l’impegno solennemente assunto di dare vita ad azioni eclatanti (blocchi stradali, ferroviari, marittimi…». Poi il PD passa alla cosiddetta “politica clientelare” ricordando la vicenda dei 3 lavoratori della piscina che, secondo il PD, sono stati licenziati a causa di una “discriminazione politica aberrante e ignobile”.

Si passa quindi alla presunta anomalia di una serie di collaboratori del sindaco Paolo Montalti (nella foto) che stazionerebbero, non si sa a che titolo, presso il comune con il pretesto di “dare una mano”, ma praticamente violando la privacy dei cittadini. Si fa quindi riferimento alla vicenda dei parcheggi allestiti quest’anno a ridosso della spiaggia, i cui proventi (16mila euro), sempre secondo il PD, non figurano in bilancio e non si sa che fine hanno fatto e si conclude con la sbandierata trasparenza del palazzo al quale invece si accederebbe solo attraverso il video-citofono. «Si tratta insomma – a giudizio del Circolo del PD – di promesse affidate al vento. Alla Minoranza – conclude il documento – viene chiesto di collaborare e dare suggerimenti, ma non si possono confondere i ruoli: la Maggioranza ha il dovere di governare. Alla Minoranza, vista la situazione, non resta che consigliare alla Maggioranza… di dimettersi».

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *