Redazione Paese24.it

Castrovillari, studenti “artigiani” del sapere. Il “Pitagora-Calvosa” in visita a Lecce

Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

BodyPartLa scuola è conoscenza e approfondimento. Tradizione e innovazione. E’ anche fucina di talenti, stimolo per le menti che devono saper scegliere e costruire la strada per il proprio futuro. Ci crede molto la preside Franca Eugenia Guarnieri, dirigente scolastico dell’Istituto Tecnico Commerciale “Pitagora” insieme all’Istituto Tecnico per Geometri “Calvosa” di Castrovillari che, attraverso il corpo docente, stimola continuamente gli alunni alla conoscenza del territorio e delle eccellenze che raccontano la storia italiana. Un preciso impegno formativo che si traduce nei progetti di alternanza scuola-lavoro che continuamente portano gli studenti fuori dalle mura scolastiche per mettersi in rapporto con il territorio e le professionalità esistenti.
E’ accaduto anche la scorsa settimana nell’ambito delle proposte pianificate nel Piano di Offerta Formativa degli istituti che hanno portato gli studenti delle classi II e III dell’ITCG Pitagora – Calvosa in visita nella città di Lecce, la “Firenze del Sud”.

Un’escursione in Puglia per godere della conoscenza diretta delle opere monumentali della città d’arte del meridione italiano. Passeggiando tra il salotto elegante della città pugliese, Piazza Sant’Oronzo, la visita alla Chiesa di Santa Maria delle Grazie, Piazza Duomo e l’anfiteatro Romano gli studenti, accompagnati dai docenti Teresa Stabile, Francesca Gaudio, Francesco Ottato e Francesco Falivena, hanno potuto prendere contatto diretto con la magnificenza del barocco leccese ma soprattutto incontrare e interagire con gli artigiani della cartapesta che realizzano ogni anno, nel periodo di Natale, la fiera dei pupi. Attraverso la collaborazione con l’Ufficio turistico della Città di Lecce che ha messo a disposizione del gruppo scolastico una guida per meglio addentrarsi dentro la bellezza della cittadina leccese, gli studenti sono stati protagonisti di un’esperienza che vuole approfondire il senso della scoperta e della conoscenza, stimolando la mente e l’entusiasmo di coloro che sono chiamati a scegliere la strada per il loro futuro professionale. L’esperienza formativa è stata di sicuro arricchente e stimolante e ha portato i ragazzi ad accrescere il bagaglio culturale e formativo utile per la loro crescita.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *