Redazione Paese24.it

Crisi delle clementine? Coldiretti: «Ripartire dal marchio IGP»

Crisi delle clementine? Coldiretti: «Ripartire dal marchio IGP»
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

consorzio5-BIGFare il salto di qualità, diffidando delle imitazioni. E’ questa – secondo Coldiretti Calabria – l’unica via d’uscita dalla crisi nera che ha colpito il settore agrumicolo calabrese, in particolare, delle clementine, a dispetto della convinzione che il ritiro dal mercato possa essere la soluzione. In alcuni casi, i prezzi pagati agli agricoltori sono inferiori ai loro costi di produzione e questo manda in tilt l’economia di interi territori e delle famiglie, con gravi ripercussioni.  «Una situazione pericolosa – sostiene Pietro Molinaro, presidente di Coldiretti Calabria – che sta già pregiudicando il futuro di molti clementicoltori e che ci può fare perdere significative quote di mercato a vantaggio di altri».

Una crisi che, già da questa estate, ha prodotto i suoi effetti nel settore ortofrutticolo. E allora da dove ripartire? Molinaro non ha dubbi: il punto di forza è il marchio IGP “Clementine di Calabria”. «Ogni omologazione con clementine “smarchiate” e quindi indistinte,  rappresenta – secondo il presidente Coldiretti – uno degli anelli deboli e lo “scandalo per eccellenza” che compromette qualità e competitività a vantaggio di altri». La Calabria  produce il 60% della produzione italiana di clementine  e una percentuale troppo alta di clementine anonime viene immessa sul mercato.

Ma c’è di più. Molinaro continua con un’analisi autocritica, soffermandosi «sull’utilizzo delle risorse provenienti dai Piani Operativi appannaggio delle strutture associative e della cooperazione, trattenuti direttamente alla fonte. E’ arrivata l’ora – dichiara il Presidente – che vengano rimodulati secondo le nuove esigenze e questo è un obbligo per le strutture associative».

Altro punto di forza sta nella cooperazione e nel gioco di squadra con le istituzioni. Gli agricoltori devono diventare protagonisti, essere arbitri e artefici del loro futuro e non essere considerati semplici fornitori di prodotto delegando, ad altri, ruoli e responsabilità. «Il PSR (Programma di Sviluppo Rurale) 2014-2020 – conclude Molinaro – deve dedicare risorse e attenzione a questo comparto. La madre delle battaglie è la difesa dell’italianità: questa è la chiave del successo».

 Federica Grisolia

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *