Redazione Paese24.it

Chiusura ospedale Trebisacce. Sindaci a Roma. Senatore Marino: «Alto Jonio privo di assistenza sanitaria»

Chiusura ospedale Trebisacce. Sindaci a Roma. Senatore Marino: «Alto Jonio privo di assistenza sanitaria»
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

L'ex ospedale di Trebisacce

«E’ profondamente ingiusto e da irresponsabili chiudere due ospedali per il solo fatto di voler fare delle economie senza aver predisposto interventi idonei ad accogliere la domanda che si riversa sugli altri ospedali, specie se questi si trovano a notevole distanza da quelli chiusi». Lo ha scritto il senatore Ignazio Marino, presidente della commissione parlamentare per l’efficienza e l’efficacia del sistema sanitario nazionale dopo aver appreso la notizia della chiusura degli ospedali di Trebisacce e Praia a Mare dalla delegazione dei sindaci dell’Alto Jonio e dell’Alto Tirreno che, guidati dal consigliere regionale Mario Franchino, sono stati ricevuti a Roma dal senatore stesso.

«Ho ricevuto – scrive Marino – una delegazione di sindaci molto preoccupati per lo stato della sanità nella provincia di Cosenza. In particolare la Regione ha inviato loro una lettera (di una riga e mezza) che annunciava la chiusura degli ospedali “di confine” di Trebisacce e Praia a Mare. Questa chiusura – continua il Sen. Marino – costringerà le popolazioni a rivolgersi ad ospedali distanti circa 100 chilometri, nei quali peraltro non è stato previsto l’aumento dei posti-letto.

Come sapete – commenta il senatore Marino – in linea di principio non sono contrario alla chiusura dei piccoli ospedali, ma è chiaro che prima di procedere alla loro chiusura dovrebbe essere organizzata una rete di assistenza territoriale attiva 24 ore su 24.Abbandonare i cittadini a se stessi, costringerli a ricorrere ancora ai viaggi della salute è davvero da irresponsabili». Ora le popolazioni ed i loro referenti istituzionali si aspettano che il senatore Marino faccia valere i poteri derivanti dal suo ruolo istituzionale.

Pino La Rocca

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *