Redazione Paese24.it

Ss 106. Manovalanza locale attende apertura cantieri. Ma senza corsi di formazione sarà difficile trovare lavoro

Ss 106. Manovalanza locale attende apertura cantieri. Ma senza corsi di formazione sarà difficile trovare lavoro
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

cantiereDopo l’ultimo placet del Ministero delle Attività Culturali e del Turismo, guidato da Dario Franceschini, l’ammodernamento della Ss 106, nei 39 km tra Sibari e Roseto, dovrebbe essere cosa fatta. Per l’apertura dei cantieri si attende però ancora la delibera del Cipe (Comitato interministeriale per la programmazione economica) che potrebbe inserire l’ammodernamento della Ss 106 già nell’ordine del giorno della prossima seduta convocata dal premier Renzi. A conti fatti dopo l’ok del Cipe non dovrebbero passare più di sei mesi per l’apertura dei cantieri che comunque l’impresa appaltatrice punta ad aprire entro novembre di quest’anno. L’opera interamente finanziata costerà un miliardo e 250 mila euro con i lavori che dovrebbero durare una decina di anni. Una lingua di asfalto a quattro corsie che si collegherà ai tratti già ammodernati di Montegiordano e Rocca Imperiale-Nova Siri. Per l’Alto Jonio sono previsti gli svincoli di Amendolara-Roseto, Albidona e Francavilla.

Messe da parte le polemiche che hanno accompagnato tutto l’iter burocratico di questa nuova strada, spesso, anche se da pochi a dire la verità, descritta come uno scempio per il territorio, sarebbe ora il momento di lavorare in un fronte comune per capitalizzare al meglio l’indotto che questi lavori possono portare al territorio. C’è ovviamente un indotto fisiologico rappresentato da un netto miglioramento della comunicazione stradale in entrata ed in uscita dalla Calabria a cui si aggiunge un bel gruzzolo di soldini che i Comuni attraversati dalla nuova strada incasseranno in termini di opere compesantive e che dovranno essere capaci di spalmare sul proprio territorio per migliorare la qualità della vita e dei servizi.

cantiere 2E poi ci potrebbe essere una chance lavorativa per tanta gente. Una valvola di sfogo in un territorio oppresso dalla disoccupazione. Infatti l’impresa appaltatrice, l’Astaldi-Impregilo, necessiterebbe, da quanto si apprende, di 1.500 operai, oltre al suo team. Le mansioni richieste sono estremamente specialistiche: carpentieri, minatori, perforatori, ferraioli, gruisti, lancisti, sprizzisti, palisti, escavatoristi, cartellonisti, meccanici, grederisti, ponteggiatori, ecc…). Da ciò si evince che è neccessario avviare al più presto corsi di formazione per gli operai per far sì che la manovalanza desiderosa di lavorare possa farsi trovare pronta per la selezione e quindi con gli attestati richiesti. Altrimenti si rischia soltanto di strumentalizzare questa importante possibilità di lavoro per meri scopi elettorali. E sulla necessità della formazione, i comuni, i sindacati, la Provincia, la Regione sembrano per ora dormire sonni tranquilli. Ad onor del vero l’unico Comune che  ha sollevato la questione dei corsi specializzanti per gli operai è stato Roseto Capo Spulico, l’anno scorso, con l’allora sindaco Franco Durso, il quale aveva messo anche a disposizione (gratuitamente) dell’Ente Scuola della Cassa Edile Cosentina un immobile comunale idoneo per poter svolgere sia le sedute teoriche che le esercitazioni pratiche; partecipando di questa iniziativa il presidente della Regione, il presidente della Provincia, lo stesso Ente Scuola e i comuni interessati. A distanza di quasi un anno tutto tace.

Oggi che la certezza dell’apertura dei cantieri sembra davvero esserci, forse sarebbe il caso di attivarsi in maniera seria verso questa direzione. Un impegno che i sindaci dei comuni di Roseto, Amendolara, Albidona, Trebisacce, Villapiana, Francavilla Marittima, Cerchiara e Cassano all’Ionio, assieme ai sindacati e agli organi istituzionali preposti, hanno il dovere di rispettare nei confronti di tanti lavoratori che oltre alle promesse esigono qualcosa di più concreto.

Vincenzo La Camera

Share Button

4 Responses to Ss 106. Manovalanza locale attende apertura cantieri. Ma senza corsi di formazione sarà difficile trovare lavoro

  1. Rocco Amerise 2015/07/23 at 11:28

    Cercano manovalanza qualificata avere sette attestati specifici per questa azienda non serve bisogna avere un ingegnere capo come fratello che lavora con loro allora riesci colleghi amici non illudetevi emigrate ciao

    Rispondi
  2. Rocco Amerise 2015/07/23 at 11:29

    Sono del posto ma non vivo la son scappato

    Rispondi
  3. Mario 2017/08/07 at 11:54

    Mi chiamo Mario e sono un operatore di macchine movimento terra di tutte le categorie, ò lavorato sia in gallerie che fuori,ma quello che mi appassiona di più è lescavatore ruspa greder pale gommate o cingolati..O esperienza di 45 anni .. O bisogno di lavorare grazie

    Rispondi
  4. Beatrice 2018/07/19 at 20:35

    Buonasera parlo x mio zio che é un carpentiere e cerca lavoro qualcuno mi sa dire come è dove può rivolgersi x questo lavoro grazie mille

    Rispondi

Rispondi a Beatrice Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *