Redazione Paese24.it

Elezioni Cassano. Il programma del Pdl in appoggio di Mimmo Lione

Elezioni Cassano. Il programma del Pdl in appoggio di Mimmo Lione
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Un momento dell'incontro

«Non è un caso che il PdL abbia deciso di appoggiare la candidatura di Mimmo Lione (UdC) alla carica di sindaco di Cassano Jonio. Già durante la consiliatura appena conclusa era palese l’unità d’intenti tra l’area UdC, in maggioranza, e l’area PdL, all’opposizione. Molte volte, infatti, i consiglieri Leone, Pricoli, Falvo e Cerchiara si sono trovati sulla stessa linea di quella espressa dal partito di Lione e viceversa».Ma la vera molla che ha fatto scattare l’alleanza è stata, ancora una volta, l’unità sui programmi. «Ci siamo seduti ad un tavolo e avevamo idee collimanti – ha dichiarato Roberto Senise, coordinatore del Pdl».

Il programma punta su alcuni punti di forza: Legalità. «Quello che si è fatto non può essere considerato esaustivo e concludente – si legge nella nota -: l’amministrazione comunale dovrà promuovere iniziative che favoriscano la cultura della legalità in sinergia con il mondo della scuola per creare una cultura della legalità. L’imperativo oggi è far fronte comune contro ogni fenomeno di devianza criminale, creando una politica per la sicurezza che sia organica, strutturale e incisiva nell’attività di prevenzione/contrasto dei fenomeni criminosi e nella concreta tutela delle vittime di reato soprattutto delle fasce più deboli.

Agricoltura e innovazione tecnologica. Le coltivazioni intensive devono, se si vuole essere al passo coi tempi, riconvertirsi e creare nuovi spazi, anche di nicchia. È nostra intenzione favorire la conversione, ove possibile e auspicabile, di colture tradizionali con colture innovative (ad esempio, piante officinali e medicamentose) che possano interessare e promuovere interventi finalizzati alla ricerca scientifica e allo sfruttamento dei principi attivi: attività, queste, foriere di sviluppo occupazionale di non poco conto.

Beni culturali e turismo. In questa direzione – continua la nota – si deve pensare a: un piano di recupero costiero che si occupi dei villaggi di Marina di Sibari e dei Laghi di Sibari; un piano spiaggia che permetta un’offerta qualificata di servizi balneari per gli utenti ed un ritorno economico per le casse comunali (non solo per i concessionari); un articolato programma, da concordare con il Ministero dei Beni Culturali per l’ottimizzazione della fruibilità del Parco Archeologico di Sibari, che preveda la realizzazione del sottopasso di attraversamento della SS106 e nuovi percorsi fino al Museo; un piano di completamento e di utilizzo organico delle opere presenti sul territorio da restituire all’uso dei cittadini.

Il compito attuale delle istituzioni è: permettere alle persone di acquisire delle professionalità adatte a sfruttare le potenzialità territoriali. Trasporti. Nessuno può nascondere, quindi, che sia esiziale per il rilancio economico di Cassano e dell’Alto Ionio, assicurare il pronto raggiungimento dell’unica tratta ferroviaria degna di tal nome esistente in Calabria, quella Tirrenica percorsa dalla Freccia d’Argento, e la realizzazione dell’aeroporto della Sibaritide.

All’incontro erano presenti presenti anche il consigliere regionale Gianluca Gallo e il candidato a sindaco Mimmo Lione.

v.l.c.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *