Redazione Paese24.it

Il consigliere regionale Aieta (PD) a Villapiana per discutere delle criticità di Alto Jonio e Sibaritide

Il consigliere regionale Aieta (PD) a Villapiana per discutere delle criticità di Alto Jonio e Sibaritide
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

Incontro di VillapianaIncontrare gli elettori dell’Alto Jonio e della Sibaritide, ringraziarli per il consenso ricevuto e ascoltare dalla loro viva voce quali sono le problematiche più urgenti da trasferire nell’agenda politica del nuovo governo regionale ben sapendo che le aspettative sono tante. E’ quello che ha fatto sabato sera scegliendo Villapiana quale snodo tra l’Alto Jonio e la Sibaritide, il consigliere regionale del PD Giuseppe Aieta che, nell’incontrare i sindaci, gli amministratori, i segretari di partito e società civile, è diventato destinatario di criticità e di emergenze che, come è stato sottolineato da tutti, in questo lembo di Calabria si trascinano da anni e si sono anzi accentuate nel corso dell’ultimo quinquennio a causa dello strabismo del governo regionale uscente.

Dibattito Villapiana con AietaAll’incontro erano presenti i sindaci di Villapiana, di Cassano Jonio, di Roseto Capo Spulico, di Albidona, di Alessandria del Carretto, di Castroregio, il vice sindaco di Trebisacce, il referente della sanità del PD Franco Pacenza, diversi altri amministratori e segretari di partito dell’Alto Jonio e della Sibaritide, la dottoressa Evelina Provenza dell’Arpacal e inoltre Pasquale Motta e Natale Falsetta in rappresentanza degli operatori turistici i quali, intervenendo nel serrato dibattito coordinato dal giornalista Franco Maurella, hanno snocciolato il logoro rosario delle emergenze territoriali: una sanità completamente rasa al suolo, un isolamento geografico che impedisce la fruibilità delle enormi risorse turistiche, un dissesto idrogeologico che rischia di collassare il territorio, i gravi problemi ambientali dovuti ai rifiuti ed alla inquietante presenza di sostanze radioattive, una microcriminalità che cresce per il depotenziamento dei presidi di sicurezza…

Il consigliere Aieta, valorizzando il metodo dell’ascolto, ha registrato ogni cosa. Si è reso conto che la situazione è drammatica e che le aspettative sono tante e, nel concludere i lavori, si è impegnato a farsi portavoce delle necessità più urgenti e di tornare periodicamente in zona per monitorare i risultati via via raggiunti.

Pino La Rocca

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *