Redazione Paese24.it

Lotta al randagismo, a Rossano al via il censimento dei cani

Lotta al randagismo, a Rossano al via il censimento dei cani
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Al via il censimento dei cani a Rossano. Gli operatori del servizio di Polizia Ecozoofila dell’associazione Anpana – Oepa, sezione provinciale di Cosenza, alla quale è stato affidato il servizio di tutela e controllo della popolazione canina, nei prossimi giorni effettueranno le opportune ispezioni atte a verificare l’iscrizione degli animali da affezione al sistema di registrazione e l’applicazione del microchip ai cani di proprietà. L’esecutivo Antoniotti, inoltre, ha approvato le nuove sanzioni amministrative e ha dotato gli operatori di un sofisticato strumento rilevatore di microchip che riesce a individuarne la presenza anche a distanza notevole.

«In base all’ordinanza  – fanno sapere dall’amministrazione comunale rossanese – con la quale veniva fatto obbligo ai proprietari e ai detentori di cani di provvedere a una serie di adempimenti, tra cui l’iscrizione all’anagrafe canina, ai trasgressori saranno comminate le seguenti sanzioni amministrative: da Euro 25.00 a Euro 500.00 per coloro che sporcano e che non raccolgono le deiezioni dei cani, non ricorrono all’uso della museruola su strade pubbliche o aperte al pubblico, nei giardini e parchi pubblici, e nelle zone destinate al verde pubblico o nelle aree sociali. Da Euro 200.00 a Euro 500.00, qualora il cane con i propri latrati e/o ululati disturbi nelle ore destinate al riposo delle persone, sconfini in altrui proprietà o pubblica via, per come previsto dall’articolo 659 comma I del Codice di procedura penale. Da Euro 154.94 a Euro 516.46 per abbandono di animali. Di Euro 77.47 per coloro che non iscrivono il proprio cane al registro. Di Euro 51.65 per coloro che omettono l’inserimento del microchip al proprio cane. Da Euro 2582.28 a Euro 5.164.57 per coloro che effettuano commercio di animali a fini di sperimentazione, in violazione delle leggi vigenti». Per eventuali segnalazioni, contattare il numero 0983/529580 o a mezzo fax al numero 0983/529593.

Redazione online

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *