Redazione Paese24.it

Cosenza, la Consulta degli studenti si oppone al contributo scolastico volontario

Cosenza, la Consulta degli studenti si oppone al contributo scolastico volontario
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF
Foto di repertorio

Foto di repertorio

La consulta provinciale studentesca dice “no” al contributo scolastico “volontario”. Nel corso di una riunione che si è tenuta nella giornata di ieri (lunedì 10 febbraio ndr) presso il Liceo “Scorza” di Cosenza, la Consulta ha approvato a larghissima maggioranza un ordine del giorno che stigmatizza «i contributi volontari – hanno specificato gli studenti – che alcune scuole della provincia chiedono di pagare al momento dell’iscrizione». Tra i promotori del documento, lo studente Pierpaolo Mosaico, rappresentante in Consulta del Liceo Classico “G. Colosimo” di Corigliano ed esponente del Fronte della Gioventù Comunista.

«Il contributo scolastico “volontario” – ha spiegato Mosaico – ormai è una tassa mascherata, che molte scuole impongono a tutti gli effetti e che serve a sopperire ai tagli operati dai governi. Una spesa che si somma a quelle per i libri di testo e per i trasporti, creando un vero e proprio ostacolo economico nell’accesso all’istruzione. Tutto questo avviene mentre nella  “Buona Scuola” di Renzi semplicemente non si fa cenno a questo problema, che è uno dei più urgenti della scuola italiana».

«Condannare il contributo scolastico – si legge nel passaggio finale del documento approvato dalla Consulta – significa schierarsi in difesa della scuola pubblica. La Consulta Provinciale Studentesca di Cosenza condanna il contributo scolastico, che in questi anni è stato la leva per imporre tagli sempre maggiori all’istruzione pubblica, mentre le famiglie si sostituivano progressivamente allo Stato nell’onere di finanziarla; chiede l’abolizione del contributo scolastico e di ogni forma di tassazione sugli studenti, ristabilendo il principio di gratuità dell’istruzione pubblica; chiede al Governo di coprire interamente i costi dell’istruzione pubblica tramite un piano pluriennale di rifinanziamento della scuola».

Pasqualino Bruno

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *