Redazione Paese24.it

La “foresta che cammina” al Carnevale di Satriano. La tradizione rivive con gli uomini albero

La “foresta che cammina” al Carnevale di Satriano. La tradizione rivive con gli uomini albero
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF
Carnevale di Satriano

Carnevale di Satriano

Esiste un paese in Basilicata, precisamente a Satriano di Lucania (in provincia di Potenza), nel Parco nazionale dell’Appennino Lucano, dove il Carnevale si vive in maniera diversa. Gli uomini si travestono da alberi e diventano “Rumit” (eremiti), maschera tipica, avvolta e cosparsa di foglie rampicanti e tralci d’edera.

E così, sabato 14 febbraio, a partire dalle 14.30, i 131 Rumit, uno per ogni paese della Basilicata, formeranno una foresta che cammina e si riuniranno in corteo.

La domenica di Carnevale poi, a partire dalla prime luci dell’alba, i Rumit spontanei, come da tradizione secolare, gireranno per le strade del paese bussando alle porte delle case e lasciando un buon auspicio in cambio di doni o pochi spicci. Nel pomeriggio, partirà il corteo con le altre maschere tipiche: gli orsi, le quaresime, ancora i Rumit, ognuna delle quali rappresenta uno stile di vita diverso per condizione sociale ed economiche. Inoltre, sfileranno i carri allegorici ecologici non motorizzati e ci sarà la messa in scena del matrimonio con lo scambio dei ruoli: gli uomini faranno le donne e viceversa, per scatenare la risata e creare una situazione divertente.

L’evento è organizzato dall’associazione “Al Parco”, in collaborazione con il Comune di Satriano, il Parco Nazionale dell’Appennino Lucano, il GAL Marmo Melandro, l’Apt Basilicata, associazioni e volontari.

Nel corso dei decenni le interpretazioni che le varie generazioni hanno dato a questa figura misteriosa sono cambiate. Il “Rumit”, simbolo di povertà e penuria, raffigura quel satrianese che, nonostante non sia in ottime condizioni economiche e per questo indigente, è rimasto fedele alla sua terra natia e ha provveduto autonomamente a costruirsi un rifugio al di fuori del centro abitato, nel bosco. I giovani satrianesi, dal 2014, utilizzano questa figura proprio per lanciare un messaggio ecologista universale: ristabilire un rapporto antico con la Terra per rispettare gli uomini e le donne che la abiteranno in futuro.

 Federica Grisolia

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *