Redazione Paese24.it

Castrovillari, Primarie. La Saladino riaccende i fari sulla frana della Madonna del Castello

Castrovillari, Primarie. La Saladino riaccende i fari sulla frana della Madonna del Castello
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

frana_6Sono trascorsi ormai tre anni da quel marzo 2012 quando una rovinosa frana colpì il colle in cui sorge il santuario della Madonna del Castello di Castrovillari. Tre anni in cui la situazione si è aggravata anche a causa del maltempo nelle stagioni invernali e ha isolato sempre di più uno dei luoghi culto simbolo della città in cui i fedeli si recano a pregare la loro Principalissima Patrona.

Tanti gli appelli soprattutto da parte del rettore della chiesa, don Carmine De Bartolo, contro l’indifferenza delle istituzioni competenti. Ed ora è Mariella Saladino, candidata alle Primarie del Centrosinistra, per il Pd, con Mimmo Lo Polito e Tonino Morelli, a porre l’attenzione sulla frana, rendendo noto «di aver interessato ed ottenuto importanti risposte in ordine alla grave situazione di emergenza idrogeologica che giornalmente vivono i fedeli ed i cittadini domiciliati nel centro storico della città».

CAM00892«Non solo – scrive la Saladino in una nota stampa – ho interessato gli organismi ministeriali posti a tutela del patrimonio religioso e culturale della nostra città e della Calabria, ma a breve la comunità religiosa sarà il fulcro di nuovi e più importanti incontri politico-istituzionali nazionali ed europei». Un impegno avviato sin dalla scorsa estate, con «un’ampia attività di relazioni politiche che ha coinvolto anche la europarlamentare PD del Collegio Meridionale onorevole Pina Picierno», e che pochi giorni fa (il 13 febbraio) ha ottenuto la valutazione di un’immediata azione a sostegno della salvaguardia del santuario e delle opere d’arte custodite, impegnando in prima persona il ministro  Franceschini ed il suo team».

Inoltre – informa la giovane candidata alle Primarie – a breve partiranno «le azioni di velocizzazione della pratica relativa ai fondi strutturali, a gestione Regione Calabria, affinché siano spese le somme assegnate dalla Comunità Europea alla Calabria in materia di dissesto idrogeologico, con la cantierizzazione delle emergenze entro il termine massimo del 31/12/2015».

Esprime soddisfazione Mariella Saladino «per essere riuscita ad avviare e coordinare tutte le azioni parallele che faranno da base ad una qualsivoglia attività futura posta in essere dai fedeli del santuario della Madonna del Castello».

Federica Grisolia

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *