Redazione Paese24.it

Amendolara, più di un anno alle elezioni. Ma la sfida a distanza Ciminelli-Melfi è già iniziata

Amendolara, più di un anno alle elezioni. Ma la sfida a distanza Ciminelli-Melfi è già iniziata
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

amendolara-comune-CopiaManca più di un anno all’appuntamento elettorale ad Amendolara ma sono già iniziate le grandi manovre in vista delle prossime Amministrative. Per la verità la campagna elettorale in paese non è mai finita ed in particolare non sono mai finite le scaramucce tra i due avversari storici, l’attuale sindaco Antonello Ciminelli e l’ex sindaco Mario Melfi, che proprio nei giorni scorsi sono tornati a scontrarsi sull’insidioso terreno degli LSU ed LPU. Data per scontata la ricandidatura dell’attuale, impegnato a giocarsi in questo scorcio di mandato due carte importanti (riqualificazione Lungomare e realizzazione Anfiteatro), a fare il primo passo è stato il Circolo del PD che nei giorni scorsi ha promosso un incontro tra i partiti di centrosinistra per sondare il terreno e preparasi alla formazione della lista.

Una lista che, da quanto è stato sostenuto da tutti, dovrà avere un’impronta prettamente politica ed evitare l’errore dell’ultima sfortunata competizione di una lista “civica” e poco caratterizzata politicamente. Il requisito necessariamente “politico” è stato rivendicato da tutti ed in particolare dallo stesso Melfi, coordinatore regionale di Sel. Ovviamente non sono stati fatti nomi per cui non si sa ancora chi sarà il rivale di Ciminelli. In paese viene fatto circolare il nome di un tecnico del luogo ma, a meno che non ci sia per lui l’opportunità di competere in contesti di maggiore rilevanza, il naturale competitor di Ciminelli dovrebbe essere proprio Mario Melfi in una competizione che già da ora si annuncia calda e movimentata.

Pino La Rocca

Share Button

One Response to Amendolara, più di un anno alle elezioni. Ma la sfida a distanza Ciminelli-Melfi è già iniziata

  1. GIUSEPPE PAGANO 2015/02/19 at 08:01

    Se così fosse,sarebbe vera e propria commedia all’italiana.Ridicolo.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *