Redazione Paese24.it

Cassano, blitz antidroga. La Finanza entra nel quartiere degli “zingari”. Scoperto un vero tesoro

Cassano, blitz antidroga. La Finanza entra nel quartiere degli “zingari”. Scoperto un vero tesoro
Diminuisci Risoluzione Aumenta Risoluzione Dimensioni testo Stampa
Download PDF

GUARDIA-DI-FINANZA026Le indagini dei finanzieri avevano già consentito il sequestro di 3.000 kg di marijuana, kg 38,5 di eroina, kg 42 di sostanza da taglio e kg 3,8 di cocaina, per un valore, in euro, compreso tra i 45 e 50 milioni di potenziali introiti per l’illecita organizzazione disarticolata. Le perquisizioni eseguite ieri dagli uomini della Guardia di Finanza a Lauropoli di Cassano allo Jonio, conseguenza dei provvedimenti restrittivi nei confronti dei capi del clan degli “zingari” disposti dalla DDA del capoluogo calabrese, hanno delineato uno scenario ben chiaro. Perquisiti oltre 100 appartamenti e relative pertinenze di un intero quartiere di fatto occupato abusivamente da decenni e solo apparentemente in stato di degrado.

All’interno delle case dei trafficanti lo scenario è subito apparso di ben altra portata: arredi di lusso, vasche idromassaggi, suppellettili di valore e finanche una sala adibita a bisca, con tanto di tavoli da gioco stile casinò, fiches, etc. Giocate di altissimo livello, sembra dalle prime ricostruzioni: 75.000, 200.000 fino a 500.000 le puntate complessive.
In un altro sito è stato rinvenuto, invece, un parco auto di livello: Ferrari 360 Modena, Chevrolet Camaro, Mmart Fourfour, Land Rover, Mercedes ml, Aston Martin il cui valore complessivo ammonta a diverse centinaia di migliaia di euro. Infine 88 grammi di cocaina e reperti archeologici: 8 oggetti in bronzo, 10 oggetti in terracotta, 1 anfora in terracotta. Non mancava proprio nulla nelle case di chi ha fatto “affari” con la droga, ma tutto è stato sottoposto a sequestro compresi due motopescherecci d’altura usati proprio per celare l’illecito trasporto di stupefacente dall’Albania. Nel corso dell’operazione “Gentleman”, in manette sono finite 33 persone accusate di gestire un traffico che raggiungeva anche il Nord Italia.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *